Ghali: “Fedez mi contatta, ma lo evito”. E spiega per quale motivo

Ghali
Ghali

Ghali confessa di evitare Fedez: ecco per quale motivo

Lasciate ogni speranza o voi che entrate. Se sognavate un featuring in futuro tra Ghali e Fedez, ci dispiace deludervi ma sembra che vi toccherà arrendervi.

L’ospite del Festival di Sanremo 2020 pare metterci una pietra (tombale) sopra, nell’intervista concessa per Il Messaggero. Di ritorno sulle scene musicali con un nuovo album, DNA, il rapper ha parlato anche del collega, a quanto pare il primo accortosi delle sue potenzialità.

Il primo a credere in Ghali è stato il compagno di Chiara Ferragni. Lo accompagnò in tour nel 2012, dopodiché le strade si separarono, in modi bruschi. Chi ha rifiutato di dargli una mano, ora gli chiede duetti. In questo ambiente – denuncia il cantante di Ricchi Dentro – c’è parecchio opportunismo.

L’opportunismo nella musica

Si riallaccia proprio a questa constatazione DNA, il pezzo che dà il titolo al nuovo disco. In un passaggio ricorda quando gli dicevano non avrebbe combinato nulla e sarebbe per sempre rimasto nel buio in un angolo. Oggi è arrivato il riscatto.

Lo vuole dire, in quanto è giusto – spiega Ghali – consentire alla gente di saperlo: fu proprio Fedez a dirgli quelle cose, mentre erano in tour. Lui si esibiva assieme al suo primo gruppo, i Troupe d’Elite, ma il successo stentava ad arrivare e venivano perennemente attaccati.

Fedez lo invitava a guardare i risultati: cosa avrebbe potuto mai fare? Quale sarebbe potuto essere il suo messaggio? Cosa avrebbe potuto raccontare agli italiani? La strada presa non avrebbe secondo lui portato a nulla di buono.

Ghali: bocciato il cd di Fedez

Per lasciare un’impronta nel panorama musicale secondo Fedez gli restava una sola via: farsi odiare. Oggi hanno tagliato i ponti. Di tanto in tanto Federico prova ad “abbordarlo”, ma lui tenta di evitarlo.

Nel momento in cui Ghali chiamò il suo disco Che Noia Airlines espresse la sua opinione. Forse ha commesso un errore – conclude – perché nessuno sa quanta dedizione e quanto tempo ci sia dietro un disco. Se la prossima volta pubblicherà un brutto lavoro, farà a meno di sentenziare giudizi.

Sui motivi della rottura il 26enne ha preferito sorvolare. Purtroppo per gli ammiratori di entrambi una collaborazione artistica non si farà. Poi, magari, sarà ricucito lo strappo, tuttavia ora come ora la presa di posizione è netta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!