Liquore mandarino e cannella, ricetta bimby

Liquore bimby

Può sembrare difficile, ma, in realtà, è più facile di quanto si creda! Realizzare in casa liquori ed amari a base di erbe aromatiche e frutta è una tradizione antichissima e regala, da sempre, molte soddisfazioni.  Con il bimby si possono preparare deliziosi liquori casalinghi che, oltre ad essere buoni e ricchi di proprietà benefiche, sono l’ideale per un regalo originale e certamente gradito.
Oggi ho scelto per voi la ricetta del liquore al mandarino e cannella. Si tratta di un preparato aromatico perfetto per la stagione invernale e ottimo come coadiuvante nella lotta contro i virus e i batteri grazie alle proprietà antisettiche dovute all’azione combinata di alcool, cannella e scorza di mandarino.
Ma come si prepara il liquore al mandarino e cannella con il bimby? Scopriamolo insieme.

Ingredienti per il liquore mandarino e cannella

  • 15 mandarini, la scorza
  • 1 stecca di cannella
  • 500 gr di alcool puro per liquori
  • 500 gr di acqua
  • 400 gr di zucchero

Come preparare il liquore con il bimby

In un vasetto di vetro a chiusura ermetica mettete la scorza dei mandarini, meglio se biologici, facendo attenzione a non prendere la parte bianca della buccia. Aggiungete l’alcool e la cannella e lasciate riposare in infusione per 10 giorni. Riponete il barattolo al buio in un luogo abbastanza fresco e, durante i 10 giorni, agitatelo ogni tanto. Dopo il periodo di infusione, mettete nel boccale l’acqua e lo zucchero e fate sciogliere per 15 min a 90°C vel 2. Fate raffreddare la soluzione all’interno del boccale stesso. Posizionate il cestello e unite l’alcool e gli aromi, filtrando con un colino a maglia larga. Mescolate il tutto per 30 sec vel 3. Traferite il liquore in bottiglie di vetro (un paio da 0,75 lt) e fate riposare ancora per una decina di giorni.

Conservate il liquore in un luogo fresco come la cantina o su un ripiano di un mobile chiuso.

Tenete presente che questa bevanda è alcolica ed è inadatta ai bambini e alle persone in gravidanza e allattamento.

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Chiara Ranallo: Bisogna prendere speciali precauzioni contro la malattia dello scrivere, perché è un male pericoloso e contagioso. Pierre Abélard