WhatsApp, massima attenzione per l’ennesimo messaggio pericoloso

Whatsapp
Whatsapp

WhatsApp è la piattaforma di messaggistica istantanea più utilizzata in tutto il mondo. Non è un caso se ha recentemente sfondato il numero dei 2 miliardi di utenti attivi ma non lo è altrettanto il fatto che i cosiddetti cybercriminali ne approfittino. Sono tantissimi, infatti, i tentativi di truffa e di furto di dati che ci arrivano su WhatsApp. Evitare di cascarci è fondamentale.

WhatsApp, il messaggio che fa paura agli utenti

È già da alcuni giorni che gli utilizzatori di WhatsApp ricevono un SMS pericoloso. Si tratta di un testo mediante il quale i malintenzionati di turno cercano di trarci in inganno per portarci a “svelare”, anche se inconsapevolmente, le nostre credenziali.

Queste, poi, verranno utilizzate per gli scopi più disparati, tutti naturalmente senza la nostra autorizzazione. Il testo del messaggio in questione è “Saluti da WhatsApp! Il tuo numero di telefono non è registrato su questo dispositivo. Clicca sul link per attivare il numero di telefono”.

Alla fine del messaggio, non a caso, troveremo un link che, secondo quanto riferisce il messaggio stesso, dovremmo cliccare per registrare definitivamente il nostro numero sul dispositivo che stiamo utilizzando.  Si tratta, ovviamente, di un chiaro tentativo di phishing con cui si cerca di carpire le nostre informazioni personali per utilizzarle, poi, in maniera illecita o, comunque, non autorizzata.

Come non essere truffati

Difronte all’enorme quantità di tentativi di truffa che provengono da più parti, spesso è complicato riuscire a districarcisi in maniera efficace. I più sbadati o quelli che, semplicemente, non sono abituati all’utilizzo di WhatsApp e simili potrebbero credere alla buona fede del messaggio e, magari, cliccare sul link.

Ebbene, proprio fare quel che ci viene chiesto è l’errore più grande. Non bisogna, in questi casi, mai (e lo ribadiamo ancora mai) cliccare su link che ci vengono inviati via messaggio o via email. Mai, inoltre, rispondere a testi in cui ci viene, ad esempio, chiesto di confermare un codice ricevuto via messaggio o richiamare numeri sconosciuti.

Nel caso specifico, inoltre, ricordiamo che WhatsApp non comunica mai con i propri utenti mediante messaggio per cui siamo dinnanzi ad un tentativo di truffa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!