Relax grazie all’olio CBD

Olio CBD
Olio CBD

Un’elevata qualità e la garanzia di sicurezza è tanto più importante quando ha ad oggetto prodotti naturali, di qualsiasi tipo. Ancor maggiore deve essere la cautela, nel momento in cui si vogliano acquistare erbe medicinali, piante dalle proprietà benefiche o i loro derivati. La loro efficacia positiva per il nostro organismo dipende grandemente dalla selezione che di queste specie vegetali venga fatta e dei processi di lavorazione delle materie prime.

Per questo motivo, nell’acquisto di cannabis light o dei suoi derivati come l’olio ad alto contenuto di CBD per rilassarsi e combattere i sintomi dell’ansia, la cosa più importante è senza dubbio quella di prestare particolare attenzione a dove si acquista, senza accontentarsi. Tra le varie alternative, molto spesso è preferibile scegliere gli shop online, che hanno prodotti più freschi e più varietà. Tra questi, i migliori prodotti al CBD sono su Justbob.it, una garanzia di qualità.

Utilizzi del CBD nella storia

Quando sono di alta qualità, la cannabis light e l’olio al CBD esprimono al massimo grado le loro proprietà benefiche, che spaziano enormemente, andando sostanzialmente ad agire su tutto il corpo umano.

Utilizzata per uso terapeutico fin dai tempi antichi in primo luogo in Cina, ma poi anche in tutta la parte occidentale del mondo allora conosciuto, veniva principalmente utilizzato come antidolorifico e antinfiammatorio per i reumatismi, la gotta e i dolori in generale, anche quelli mestruali.

Tutti i popoli, però, sembravano concordare in particolare sulle proprietà rilassanti del cannabidiolo, agendo sulla psiche per calmare l’irrequietezza e raggiungere uno stato di serenità. A quest’ultimo riguardo, venne poi utilizzato come rimedio contro i disturbi psichiatrici, i cui sintomi sembravano alleviarsi con l’utilizzo della cannabis.

E nel presente

Anche adesso, coloro che si adoperano per sottolineare le magnifiche proprietà del CBD e che spingono per l’utilizzo anche a scopo terapeutico ne riconoscono innanzitutto il potere calmante e rilassante, nonché l’efficacia per la cura di un gran numero di malattie. Sotto questa spinta, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha iniziato a studiare questa sostanza per individuarne possibilità di utilizzo nei trattamenti di certe malattie e possibili effetti collaterali. Se questi ultimi sembrano non emergere nel breve periodo, a parte in casi particolari, il CBD si è dimostrato efficacissimo per la cura dell’epilessia, nonché utile per contenere i sintomi di depressione e schizofrenia, anche se per queste due non ci sono ancora risultati definitivi.

Dunque sembra in parte confermata la convinzione degli antichi che il cannabidiolo possa avere proprietà terapeutiche per la mente, conferendo in generale una piacevole sensazione di relax, cui deriva anche un’azione miorilassante. Tutto al contrario, quindi, rispetto all’effetto psicotropo del THC, l’altra sostanza presente nella cannabis, che invece può avere ripercussioni negative e talvolta ambivalenti sugli stati della mente. Per questo è bene distinguere le due sostanze e sottolineare che la cannabis light e l’olio CBD che si trovano in commercio sono ricche di CBD, mentre per legge non possono avere una percentuale di THC maggiore di, rispettivamente, 0,6% e 0,5%. Quest’ultima percentuale si riferisce all’olio di CBD per uso alimentare, come stabilito dal decreto del Ministro della Salute, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 novembre 2019.

Una volta fatti questi chiarimenti preliminari doverosi, si può comprendere come la cannabis e l’olio ad alto contenuto di CBD vengano considerati come delle erbe medicinali, con gli stessi effetti della camomilla, della lavanda, della melissa, la citronella e di tutte quelle piante che vengono utilizzati per le loro proprietà lenitive e rilassanti. Come queste, anche il CBD si distingue per l’efficacia a combattere gli stati d’ansia e diventa dunque un alleato essenziale per la vita frenetica e senza pause dei nostri tempi.

Perché scegliere l’olio?

Tra i prodotti ad alto contenuto di CBD, l’olio è stato preferito da molti per le potenzialità di utilizzo variabili. In primo luogo, possiamo riprendere il punto fatto presente prima per cui il nostro Ministro della Salute ha dato disposizioni affinché sia consentito l’uso a fini alimentari dell’olio ad alto contenuto di CBD, purché contenga un valore di THC inferiore a 0,5%. In questo senso è stato proposto l’uso di questo olio per il condimento di molte pietanza, per insaporirle ed aggiungere un tocco di relax al pasto.

Se il sapore non convince, si può utilizzare comunque per curare i disturbi della pelle, aggiungendolo alla crema che si utilizza quotidianamente o applicandolo direttamente. Sempre più spesso, comunque, si possono trovare nei negozi prodotti di bellezza che contengono la sostanza curativa.

Ancora, viene fatto uso di questo olio con la diretta assunzione del prodotto, per godere delle proprietà terapeutiche di cui si è detto sopra. A questo riguardo, largo uso ne è stato fatto negli Stati Uniti, per diminuire gli episodi epilettici, anche dei bambini. Allo stesso modo, viene scelto come metodo per tenere a bada gli stati ansiosi e gli attacchi di panico.

Un risultato immediato e potente degli effetti del CBD si ha anche nel caso in cui l’olio sia aggiunto al liquido neutro di alcuni tipi di sigarette elettroniche che sono adatte all’inserimento. Il relax si sente con la prima boccata e si può modificare il sapore aggiungendo aromi

Naturale ed efficace

La ricerca della naturalezza non è solo propria di chi ha scelto una vita selvaggia, ma riguarda ormai tutti. Per la maggior parte privi di effetti collaterali e più facilmente tollerati dal nostro organismo, prodotti naturali che abbiano un effetto terapeutico stanno acquisendo sempre più importanza nella nostra vita quotidiana.

Dalle tisane agli oli al CBD, la potenza delle piante e delle erbe medicinali è sempre più evidente. Per questo motivo, gli i growshop e le piattaforme e-commerce di olio CBD, stanno conquistando il mercato europeo, sulla scia della legislazione e degli studi medici sempre più favorevoli all’utilizzo di CBD per una molteplicità di situazioni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!