Renato Zero a spasso per Roma, le sue parole sul Coronavirus

Renato Zero è tra gli artisti più amati nel panorama musicale italiano. I suoi concerti sono sempre sold out e, soprattutto nella capitale, il cantante è apprezzatissimo. Lo dimostra il calore del suo pubblico che ogni volta lo accoglie nella maniera più calorosa possibile.

Ed in un periodo come questo in cui l’emergenza Coronavirus costringe tutti a cambiare le proprie abitudini, Zero ha espresso le sue idee in merito portando a galla una paura particolare.

Renato Zero, nessuna paura del Coronavirus

Renato Zero non pare particolarmente preoccupato per il virus in sè dal momento che ha manifestato la massima fiducia nella scienza medica credendo che un rimedio efficace verrà trovato il prima possibile. Intervistato in merito a questo, però, Zero ha espresso la sua più grande preoccupazione “Cosa trovo drammatico? La paura di un abbraccio, lo stare da soli. È poco romano e mi spaventa”.

Sono queste le parole con cui il cantante esterna i suoi principali timori. A causa del Coronavirus, infatti, non ci si abbraccia più, non ci si stringe più la mano, non si riesce nemmeno a stare accanto agli altri senza provare paura. E tutto questo fa davvero paura. E, a ben guardare, non è solo l’artista romano a pensarla così dato che il Coronavirus ha creato una vera e propria psicosi e diversi sentimenti negativi.

Ricordiamo tutti, ad esempio, le parole che Niccolò, il 17enne di grado che era rimasto bloccato per settimane a Wuhan, aveva utilizzato per l’epidemia. “Il vero virus è il razzismo aveva detto alcuni giorni fa il ragazzo. Ed è proprio così.

A spasso per Roma tra saluti e abbracci

Nonostante le restrizioni e nonostante l’aria che si respiri per la città non sia delle più tranquille, Renato Zero si è mostrato sereno e felice di passeggiare per le vie di Roma. Moltissimi i fans che lo hanno fermato per la strada, altrettanti quelli che gli hanno chiesto un autografo o che hanno fatto un selfie insieme a lui.

E l’artista romano, sempre felice per il calore umano della gente, non si è di certo tirato indietro concedendosi ai fans.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Patrizia Maimone: Appassionata di scrittura, webwriter con esperienza decennale, sono convinta che le parole sono al centro del mondo. Come diceva Alessandro Baricco, "Scrivere è una forma sofisticata di silenzio".