Consulenza medica online: la nuova frontiera della sanità italiana

Consulenza medica online
Consulenza medica online

Superare le barriere grazie ai servizi offerti dal web

Sostenere che il web non sia in grado di fornire servizi utili sul fronte sanitario è menzognero, così come lo è pensare di trovare online le risposte a tutte le nostre domande relative  all’una o all’altra patologia. L’estremismo, infatti, non è quasi mai d’aiuto anche se, ad un’analisi più attenta, possiamo scorgere punti di verità nell’una e nell’altra affermazione.

Partiamo col dire che negli ultimi anni la sanità ha avuto modo di interfacciarsi sempre di più anche con il mondo digitale. In particolare, la consulenza online ha dato vita ad un nuovo modo di interagire col paziente, teso a superare anche una serie di barriere importanti. Non parliamo solo di quelle logistiche, che risultano comunque molto vantaggiose per alcune categorie di pazienti. Ma non per tutti, come nel caso di chi è affetto da disabilità fisica.

Anche richiedere nell’immediato un consulto può essere in alcuni casi decisivo. Inoltre, non sempre da una visita tradizionale il paziente riceve delle indicazioni chiare e precise sulla patologia o sulla terapia da seguire. Spesso una comunicazione troppo tecnica e poco divulgativa comporta nel soggetto uno stato di confusione che di certo non lo aiuta a sentirsi rassicurato.

I Servizi dedicati alla consulenza medica in rete

È in questo caso che il web ci viene incontro, perché il paziente può scoprire come consultare un medico online con DaVinci, conoscere le tempistiche e le modalità di interazione. Può, in definitiva, usufruire di un servizio che va in qualche modo a sopperire le mancanze di quello tradizionale o addirittura sostituirsi ad esso.

La cosa importante è ovviamente affidarsi a piattaforme gestite da professionisti, che presentano una consolidata esperienza nel campo in cui sono interpellati. Al contrario, è sempre meglio evitare di considerare come oro colato tutte le informazioni reperite in rete. Sui vari blog o forum, molto spesso consigli sono forniti spesso da persone non autorevoli e quindi non affidabili.

Nessuna autodiagnosi, ma il parere di un esperto

Questo significa non rientrare nella categoria di quelli che fanno autodiagnosi, semplicemente leggendo commenti e opinioni di altre persone che presentavano sintomi affini ai propri. Dall’altra parte anche demonizzare l’aiuto concreto che internet può offrire. solo perché mossi dal pregiudizio di tutto ciò che è innovativo, risulta alquanto sbagliato.

La via di mezzo, dunque, è adoperare gli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione con criterio e metodo, accompagnando alla ricerca delle informazioni sempre e comunque anche una dose di buon senso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!