Coronavirus, pronto alla sperimentazione il primo farmaco per combatterlo

Farmaco per Coronavirus

I ricercatori dell’università di Utrecht hanno messo a punto un nuovo farmaco che promette di neutralizzare il Coronavirus. Il COVID-19 potrebbe, dunque, essere arrestato da questo farmaco la cui sperimentazione inizierà a breve. Ci vorranno, comunque, un paio di mesi affinché possa essere effettivamente utilizzato sui pazienti. Di che farmaco si tratta? E come agirà? Vediamolo.

Coronavirus, come si potrà sconfiggere

Sconfiggere il Coronavirus non è una cosa che si potrà fare da subito. Occorrerà un po’ di tempo per testare il nuovo farmaco e verificare i suoi reali effetti sui pazienti affetti dal virus. Il gruppo di ricercatori olandesi, guidato da Chunyang Wang, è molto fiducioso ed ha spiegato di che tipo di farmaco si sta parlando.

In base a quanto rivelato, si tratta di un anticorpo monoclonale con una sola specializzazione, il riconoscimento della proteina che il Coronavirus usa per aggredire le cellule respiratorie nell’uomo. In Olanda si stava lavorando, nel momento in cui è esplosa l’epidemia da COVID-19, ad un farmaco efficace contro la Sars. Pare, quindi, che gli anticorpi efficaci nella lotta contro quest’ultima possono essere efficaci anche per il Coronavirus.

L’anticorpo monoclonale, in particolare, si lega alla proteina Spike, ovvero quella che si trova sulla corona del virus andando ad evitare l’attacco e la penetrazione all’interno delle cellule polmonari. Grazie a quest’azione, il Coronavirus non sarebbe più in grado di riprodursi all’interno dei malati e potrebbe essere alienato definitivamente.

Un risultato molto incoraggiante

In un momento come questo in cui, in Italia, ci sono molti contagiati e dove la situazione sanitaria ed economica è al collasso, le notizie in arrivo dall’Olanda sono molto incoraggianti.

La sperimentazione, dunque, inizierà a breve e servirà per testare la reale efficacia dell’anticorpo e i suoi livelli di sicurezza. Nel frattempo, le soluzioni farmacologiche più utilizzate sono i farmaci utilizzati per contrastare l’Aids.

Dalla Francia giungono, invece, alcune perplessità su quelli che sono gli utilizzi di anti-infiammatori per la cura del Coronavirus. Secondo il Ministro francese della Salute, Véran, questi farmaci (a base di ibuprofene o cortisone) potrebbero aggravare i sintomi. Molto meglio sarebbe, invece, utilizzare il paracetamolo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!