Mediaset non rispetta il pubblico?
Mediaset non rispetta il pubblico?

Negli ultimi giorni, il gigante Mediaset ha combinato un disastro dietro l’altro, in particolare riguardo alla messa in onda delle proprie soap opera.

Non sono stati sufficienti i cambi di programmazione ballerini che hanno coinvolto “Centovetrine“, passata dal decennale appuntamento delle 14.10 su Canale 5 al preserale/access prime time delle 20 su rete 4, con l’ulteriore rischio di slittare alle 20.30, allarme poi rientrato da un momento all’altro, con il risultato finale di un completo smarrimento da parte degli spettatori, i quali, peraltro, in questo frangente si ritrovano a perdere scene clou trasmesse in giornate di festa.

Oggi, poi, è stata effettuata una scelta completamente suicida: la rete ha deciso di mandare in onda un doppio appuntamento della soap tedesca “Tempesta d’amore“, trasmettendo scene fondamentali per l’imminente avvio della decima stagione (vedi il primo incontro tra i nuovi protagonisti Niklas e Julia) la Vigilia di Natale (momento in cui la probabilità di un recupero tempestivo su videomediaset.it appare molto remota), per di più in un orario inconsueto. Tempesta, oltretutto, già da tempo subisce un trattamento indegno da parte di rete 4, che costantemente dedica l’inizio di ogni puntata alla replica delle ultime scene della precedente (probabilmente a causa dello scarso divario temporale tra gli episodi italiani e tedeschi).

Sul web gli internauti non hanno atteso a far sentire la propria voce e tante proteste, più o meno pacifiche, hanno cominciato ad inondare l’azienda lombarda; ma tutto ciò servirà a qualcosa o saremo costretti a subire ancora a lungo i colpi di testa di Mediaset? Staremo a vedere!

 

UPDATE 21.15: Se non altro, pochi minuti fa è stata caricata su videomediaset.it la prima parte del doppio appuntamento di oggi di Tempesta d’amore, quindi chi se la fosse persa avrà modo di recuperarla online cliccando qui.

 

Volete restare sempre aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina? Allora seguitemi mettendo il vostro like qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!