Distilleria trasformata in negozio di detersivi: “Serve più disinfettante”

Distilleria trasformata in negozio di detersivi
Gel igienizzante (foto d'archivio)

Una distilleria trasformata in negozio di detersivi ha deciso di dedicarsi ad una una vendita per questo periodo d’emergenza. Il negozio ubicato nel Maryland ha cambiato la produzione da liquore a disinfettante per le mani a causa della carenza del prodotto derivante dalla pandemia di coronavirus.

Distilleria trasformata in negozio di detersivi: la dichiarazione del titolare

Il titolare della distilleria trasformata in negozio di detersivi, Twin Valley Distillers a Rockville ha annunciato che ora sta producendo e vendendo bottiglie da quasi 200 dl di disinfettante per le mani al costo di 4 dollari e bottiglie da quasi 250 dl per $ 6,50.

La distilleria, l’unica azienda del suo genere nella contea di Montgomery, ha affermato di aver rapidamente ottenuto l’approvazione federale per produrre disinfettante per le mani con una ricetta artigianale. Gli ingredienti usati sono a base di etanolo, glicerolo, gel di aloe vera, olio di citronella e olio di vitamina E.

Rimedi in tempo di guerra

Il titolare della distilleria trasformata in negozio di detersivi ha dichiarato ai media locali che per lui questa è una vera e propria guerra. Sulla base di quanto, dunque, ogni azienda si deve impegnare per dare una mano.

Eduardo Zuniga, proprietario e fondatore della distilleria ha dichiarato “Ho studiato molta storia americana. Durante la prima guerra mondiale, la seconda guerra mondiale, la rivoluzione americana, il paese si è unito per dare una mano … Ho detto a mia moglie: ‘Forse dovremmo dare una mano. Abbiamo molto alcol Facciamo un test. ” Quindi abbiamo fatto una corsa solo per testarlo ed è risultato perfetto “.

Jonathan Shair, direttore generale e responsabile della produzione di Twin Valley Distillers, ha affermato che l’azienda farà in modo che il disinfettante per le mani rimanga sul mercato ad un prezzo conveniente.

La gestione delle vendite di disinfettanti

Purtroppo dal canto loro, non hanno alcun mezzo per aiutare la società ad uccidere il coronavirus. Non è ovviamente questo il loro obiettivo, quanto piuttosto quello di colmare un bisogno nella comunità. Quindi se ciò può aiutare a rimanere a galla nel frattempo, la produzione alcolica può aspettare. Ora ci sono cose più importanti da fare.

La distilleria trasformata in negozio di detersivi, infine, sta limitando le vendite a due bottiglie per cliente per evitare che uno solo faccia il pienone tentando poi di rivenderlo al mercato nero.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!