Stéphanie di Monaco, “Speravo che i miei tre figli uscissero da questo microcosmo”

Stéphanie di Monaco
Stéphanie di Monaco

Stéphanie di Monaco tra scandali e pettegolezzi: le affermazioni che nessuno si aspettava

Stéphanie di Monaco, la terzogenita di Grace Kelly e Ranieri III di Monaco, sempre al centro di pettegolezzi e scandali continua a far parlare di sé e della sua vita parecchio movimentata. La donna ha avuto una gioventù parecchio interessante, è sempre stata un peperino e questo le ha regalato per diritto il primo posto di interesse per i paparazzi.

Adesso è madre di tre figli, i primi due, Louis e Pauline, che hanno 26 e 25 anni, avuti dalla relazione con Daniel Ducruet, e Camille, che ha 21 ed è nata dalla storia con Jean-Raymond Gottlieb. Pauline è recentemente entrata nel campo della moda che è stato per lei la più grande passione da sempre.

Stéphanie di Monaco, la figlia tirata su con umiltà, rispetto e rigore

Stéphanie di Monaco in occasione della sfilata di lancio della figlia è stata immortalata nel parterre. Si trovava insieme agli altri membri della royal family monegasca, tra i quali sua sorella Camille. Ma cosa ne pensa dell’iniziativa della figlia? La donna ha dichiarato che ha sempre visto la figlia particolarmente attratta dal settore della moda.

È felice che sia arrivata a raggiungere questo scopo soprattutto perché lo ha fatto con tanta fatica. Ha specificato che tutti e tre i suoi figli sono stati cresciuti come qualunque ragazzo e ragazza. Nessuno dei tre ha fatto uso dei privilegi, così da dare maggiore attenzione ai veri valori della vita.

Ciò che è stato sempre fondamentale? Farli uscire dal microcosmo di Monaco. E a quanto pare è davvero riuscita a farlo perché la figlia ne è la valida dimostrazione. Durante una delle più recenti interviste la ragazza ha parlato della sua nuova linea raccontando di averci lavorato su per tantissimo tempo per ottenere il risultato dei suoi sogni.

Sa che al cliente non interessa affetto che la giacca o comunque l’abito che si indossa è stato disegnato e creato dalla figlia della famiglia Monaco. Al cliente interessa indossare un abito che valga tanto quanto si è speso. Chi si concede l’acquisto di un articolo costoso vuole la qualità.

Educazione e scuola normale, i ragazzi cresciuti in un piccolo villaggio di Nizza

Tutti e tre i figli hanno la testa sulle spalle ed i piedi saldi per terra, forse anche perché Stéphanie ha scelto di tenerli lontani dalle telecamere sin da piccoli e tutelare più possibile la loro immagine.

Lei da piccola non ha mai potuto contare sulla serenità di cui ogni bambino avrebbe bisogno. Ecco che ha fatto il possibile per darla ai suoi figli. Normale istruzione, scuola normale, né giornali, né televisione, né stampa, nessuno può dire di conoscere troppo di loro se non i nomi e qualcosa circa la loro vita familiare. Nient’altro.

Purtroppo però nemmeno mamma e papà li hanno potuto avere al proprio fianco dato che sono cresciuti in un piccolo villaggio in montagna nell’entroterra di Nizza.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!