Elefanti ubriachi svengono in un campo di tè cinese: come è accaduto?

elefanti ubriachi
Elefanti ubriachi dormono in un campo da tè

Tutto il mondo sta provando ad affrontare nel migliore dei modi l’emergenza del coronavirus. Il problema sostanziale è che sembra davvero dura riuscire a vedere alla fine del tunnel un po’ di luce. Per fortuna ancora accadono piccolo aneddoti che fanno sorridere. Come quello degli elefanti ubriachi fotografati in un campo di tè cinese. Ma come avranno fatto a finire sbronzi?

Elefanti ubriachi: il campo da tè cinese invaso da pachidermi sbronzi

L’aneddoto degli elefanti ubriachi è avvenuto in Cina. E non certo un caso, visto che è stata la prima nazione ad essere colpita dal coronavirus. Durante il contagio sono state decine di milioni le persone bloccate in casa loro. Le misure prese nello stato asiatico sono state molto rigide, le autorità hanno lavorato per fermare la sua diffusione, e sembra che il peggio oggi sia passato.

Nel frattempo però pare che dalla quarantena obbligata e dal coprifuoco per le strade, abbiano tratto vantaggio alcuni pachidermi che muovendosi in branco si sono spinti oltre, giungendo fino alle zone più abitate. E così tutti insieme sono arrivati in una fattoria nella provincia di Yunan, e hanno fatto piazza pulita nel verso senso della parola. E dopo del sano divertimento sono finiti tutti alticci.

Gli elefanti bevono del vino di mais

Stiamo parlando di un branco di 14 maestose bestie, che è giunto in un villaggio nella speranza di trovare cibo. Tuttavia, hanno trovato molto di più e pare abbiano anche apprezzato quanto trovato. Oltre ad aver fatto piazza pulita all’interno della fattoria, si sono imbattuti anche in un barile di 30 kg di vino di mais.

Evidentemente gli elefanti sono stati incuriositi dal barile contenente la bevanda alcolica e hanno deciso di fare molto più che assaggiarla. Dopo aver bevuto interamente il lotto, gli elefanti erano ormai KO: si sono letteralmente assennati, perdendo anche la lucidità.

Pare che due maschi del branco siano addirittura svenuti, poco più avanti, in uno dei campi da tè sito nelle vicinanze. A raccontare quanto accaduto i proprietari della fattoria, i quali hanno immaginato che i pachidermi si siano svegliati il mattino successivo con un grande mal di testa.

La storia fa sorridere, e lascia sperare che domani le strade di tutti i paesi possano nuovamente essere ripopolate dalle persone libere di muoversi e andare dove vogliono.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!