Messina, spara ad una tabaccaia e poi si uccide: ferita un’altra donna

Il rione in cui si è consumata la tragedia
Il rione in cui si è consumata la tragedia

Giuseppe Bucalo, un uomo di 79 anni residente a Messina, nutriva il forte desiderio di giocare al lotto. È entrato in una tabaccheria e, come preso da un raptus, ha sparato alla titolare del locale, rivolgendo in seguito l’arma da fuoco contro se stesso, suicidandosi. La vittima è Vittoria De Marco, una donna di 76 anni.

La sventurata risulta al momento essere ricoverata presso il policlinico di Messina, in condizioni preoccupanti. Bucalo è invece morto sul colpo. Accidentalmente, gli spari hanno ferito anche un’altra donna presente nella tabaccheria. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Messina, spara alla titolare della tabaccheria e poi si toglie la vita

Come leggiamo da FanPage, il folle (e tragico) episodio si è verificato, per la precisione, nella mattina del 24 marzo 2020, intorno alle 10:30, presso la tabaccheria del rione provinciale, in viale San Martino. Sono subito intervenuti paramedici e forze dell’ordine.

Da quello che si è compreso finora, Giuseppe Bucalo avrebbe chiesto alla padrona del locale, la signora Vittoria De Marco, di poter giocare al lotto. La donna si era tuttavia rifiutata e, in quel momento, l’uomo avrebbe iniziato ad urlare e strepitare, aprendo il fuoco. Poco prima di uscire di casa, il 79enne, risultato incensurato, avrebbe avuto un violento alterco con la moglie.

Aveva la mente alterata

Da quello che finora è stato reso noto, si può chiaramente intuire come Giuseppe Bucalo avesse la mente gravemente alterata per poter agire in una maniera simile. Sul posto sono giunti gli agenti della polizia scientifica per le opportune analisi. Un nuovo episodio di violenza sulle donne che sta caratterizzando queste settimane di di reclusione forzata a causa della pandemia da covid-19.

Sempre stamattina, a Padova, un uomo di 48 anni ha aggredito la moglie a martellate. Non dimentichiamo come lo scorso fine settimana, un ragazzo di soli 20 anni abbia ucciso e decapitato la madre. L’episodio si è verificato a Roma, in via James Joyce. Se i nostri lettori ricordano, la scorsa settimana abbiamo parlato anche della tragica fine della signora Rossella Cavaliere, uccisa a pugnalate dal figlio 23enne a S. Vito dei Normanni (Brindisi).

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!