Un gravissimo lutto ha colpito il TG5 e Mediaset, lo straziante addio: “Abbiamo perso una persona nella guerra al Covid-19”

Tg5 - Mediaset

Grave lutto a Mediaset: è morto Marco Battagin

Un gravissimo lutto ha colpito la redazione di Mediaset e in particolare quella del TG5. Infatti, dopo la morte di Paolo Micai nelle ultime ore è venuto a mancare anche Marco Battagin, responsabile degli studi di Cologno Monzese. A comunicare la triste notizia è stato il collega Roberto Ciarapica, attraverso un commovente post sui suoi profili social.

Purtroppo Battagin non è riuscito a fuggire dalla morte perdendo la sua dura battaglia contro il Coronavirus che sta sconvolgendo l’intero pianeta, e che ha messo in ginocchio il nostro Paese. A ricordarlo sono stati anche i colleghi del TG4 e del TG5 durante la messa in onda dei rispettivi telegiornali.

Il messaggio straziante di Roberto Ciarapica su Twitter

Dalle pochissime frasi utilizzate del collega Roberto Ciarapica è possibile intuire quanto dolore prova per l’improvvisa e prematura scomparsa di Marco Mattagin ma anche di Paolo Micai. Quest’ultimi facevano parte dello staff di Mediaset a Cologno Monzese. Infatti l’azienda di Berlusconi, come le tante famiglie del Nord Italia è stata colpita dal lutto.

Sul profilo Twitter di Ciarapica si legge il seguente messaggio: “Mediaset ieri ha perso 2 persone nella guerra al Coronavirus. Gente che lavorava come tutti noi per raccontarvi cosa succede, con passione e senso del dovere. Si chiamavano Paolo Macai e Marco Battagin. Non erano famosi, ma meriterebbero da tutti un saluto speciale. Ciao ragazzi”. (Continua dopo il post)

Anche Paolo Micai è morto a causa del Cronavirus

Come annunciato prima, oltre a Marco Mattagin Mediaset ha perso un altro stretto collaboratore. Infatti nelle ultime ore è venuto a mancare anche Paolo Micai che si è spento a soli 60 anni. Purtroppo anch’esso ha perso la sua battaglia contro il Coronavirus.

Da circa sette giorni l’uomo era ricoverato presso l’ospedale San Martino del capoluogo ligure, la sua città natale. Prima di essere contagiato dal Covid-19, il professionista aveva raccontato in prima linea l’emergenza sanitaria contro cui il nostro Paese combatte dalla metà di febbraio 2020.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!