Cristiano Ronaldo dice sì al taglio dello stipendio

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

Il più pagato della Juventus

L’attaccante della Juve è sempre in prima linea quando si tratta di aiutare il prossimo. Il calcio in questo momento è fermo, ma ci sono persone che continuano a essere in campo. Tra questi c’è il difensore Giorgio Chiellini, che tra varie telefonate riesce a trovare con i compagni di squadra una linea comune.

La squadra decide di venire incontro al club bianconero e decide di ridursi lo stipendio. Tutti fanno la propria parte, anche Cristiano Ronaldo che è tra tutti il più pagato, si parla di uno stipendio di 31 milioni di euro. Tra i calciatori della squadra più conosciuti c’è anche Gigi Buffon, portiere della squadra e tra i più bravi del modo del calcio.

La stella portoghese intanto fa un nuovo acquisto

Cristiano Ronaldo si taglia lo stipendio e può permettersi in ogni caso una nuova entrata nella sua collezione. Si regala la Bugatti Centodieci, dal valore di nove milioni. Il fuoriclasse portoghese prenota questo gioiellino che arriverà nel 2021. Si parla di appena dieci esemplari nel mondo.

Nel garage di Cristiano Ronaldo ci sono già un paio di Ferrari, due Rolls Royce, due McLaren, e due Bugatti. Il nuovo acquisto raggiunge una velocità di 380 km/orari. Alla stella della Juve piace collezionare auto e da campione qual è odia perdere. C’è un racconto inedito che fa Stefano Sorrentino, guardiano dei pali di serie A.

Un accordo tra lui e Cristiano prevede lo scambio della maglia a fine partita, ma dopo aver parato un rigore al calciatore, Cristiano negli spogliatoi si limita a salutarlo. C’è solo una stretta di mano e i complimenti per la prestazione ma va via col volto arrabbiato.

Un gesto che emoziona

Cristiano Ronaldo in questo periodo è con la moglie Georgina Rodriguez e con la sua famiglia. Il calciatore fa una donazione di un milione di euro a due strutture ospedaliere per le terapie intensive. Non è a Torino anche perché ha necessità di assistere la mamma colpita da un ictus.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!