Una Vita trama 30 marzo: Samuel si costituisce, scoperto il segreto di Arsenio e Salvadora

Samuel Alday

Lunedì 30 marzo andrà in onda una nuova puntata della soap opera Una Vita. Stando a quanto trapelato dalle anticipazioni, si tratterà di un episodio davvero molto interessante. Samuel si troverà ai ferri corti con il suo strozzino, al punto che arriverà a costituirsi con il nuovo Boss.

In paese, però, si consumerà un altro evento inaspettato. Servante si cimenterà nella strana lettera contenuta all’interno dello scrigno che custodisce. Tale missiva contiene un segreto legato a due innamorati.

Una Vita: il mistero di Arsenio e Salvadora

Nel corso dell’episodio del 30 marzo di Una Vita vedremo che Servante leggera attentamente la lettera riguardante Arsenio e Salvadora. Il protagonista rimarrà così esaltato dal contenuto, al punto da arrivare a dare luogo a delle indagini approfondite per vederci più chiaro. Per poter perseguire il suo obiettivo, il portiere si farà aiutare da Casilda. La donna si metterà sulle tracce dei due innamorati, ma non riuscirà a venire a capo dell’ambigua questione.

Chiave di volta in tutta la vicenda sarà Fabiana. La domestica, infatti, contro ogni tipo di aspettativa farà una confessione inaspettata. La donna dirà di sapere dove sono nascosti i due amanti protagonisti della lettera tanto intrigante. Su di un altro versante, invece, vedremo il consumarsi di un vero dilemma.

Puntata 30 marzo: Samuel si costituisce

A seguito della fuga di Filo dal carcere, Batan ha assoldato Samuel per far sì che commetta i crimini più efferati. Il perfido Alday, però, nonostante sia mosso da intenzioni sempre losche e manipolatrici, non riuscirà ad assecondare le maligne volontà del suo strozzino. Nel corso della puntata del 30 marzo di Una Vita, infatti, vedremo che il gioielliere avrà il compito di uccidere una ragazzina di 15 anni.

La fanciulla è figlia di un noto ministro il quale deve a Batan un enorme somma di denaro. Samuel, però, non riuscirà a commettere l’atto efferato, al punto da arrivare addirittura a simulare un’aggressione. Ad ogni modo, Jimero non ne vorrà più sapere e obbligherà l’Alday a svolgere l’ordine. Quest’ultimo, quindi colto da un forte malessere, non potrà fare altro che confessare al suo creditore di non essere in grado di svolgere l’incarico affidatogli. Per tale ragione, finirà per costituirsi al nuovo Boss.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!