Lapo Elkann tifa Italia: “Il più grande cuore d’Europa”

Lapo Elkann scrive una lettera all'Italia, colpita dal Coronavirus
Lapo Elkann

Lapo Elkann scrive una lettera alla ‘sua’ Italia sotto Coronavirus

Banale non lo è mai stato. Nei suoi modi di fare, nel suo modo di approcciarsi alle telecamere. Nessun rampollo della attuale dinastia Agnelli incarna meglio di Lapo Elkann il concetto dell’esuberanza, declinata in varie forme. La linea di demarcazione tra persona e personaggio è spesso così sottile che è facile confondere l’uno con l’altra.

Oggi l’imprenditore, come qualsiasi altro cittadino italiano, ha soprattutto un’apprensione: quella nei confronti del Coronavirus. Scoppiata settimane fa, la pandemia continua ancora a mietere vittime e chissà quando vedremo nuovamente la luce.

Una donna che presto ritornerà

Con uno slancio di patriottismo, Lapo Elkann prende pubblicamente parola. Nel periodo peggiore per la nostra Nazione si accinge a scriverle una lettera d’amore, sullo stile di quella indirizzata ad una donna al momento assente, ma che presto ritornerà.

Da sempre – aggiunge il fondatore di Garage Italia Customs – ha dimostrato il suo amore incondizionato verso l’ingegno italiano, da Leonardo Da Vinci a Pirandello, da Mattei a Rita Levi Montalcini, dalla Fiat e la Ferrari a Piaggio, dai film di Fellini al futurismo, da Moncler e Armani a Gucci e Diesel, dalle Palladio a Renzo Piano, dalle tante eccellenze del cibo italiano a Barilla, da Brembo alle piccole imprese simbolo del Belpaese nel mondo. Adesso un’altra Italia lo ha conquistato, quella di chi resiste in questo frangente buio e cupo.

Lapo Elkann: il cuore più grande d’Europa

L’Italia è consapevole secondo Lapo Elkann che nel momento in cui la notte è scura, l’alba è più vicina. È orgoglioso delle persone tenaci, nelle case, sui balconi, nelle corsie. Una realtà costituita da professionisti della salute, medici, infermieri, volontari in grado di regalare un sorriso pure tra le lacrime, cassiere, commessi, autotrasportatori, piccoli, medi e grandi titolari di aziende e da qualunque persona fa battere il cuore più grande d’Europa. In particolare un plauso va a chi è attualmente senza cibo sul piatto e nemmeno un posto dove rifugiarsi.

La nostra storia ci ha insegnato che l’Italia non muore mai, quando è in ginocchio trova sempre la forza per rialzarsi. Perché abbiamo una marcia in più: la forza della creatività, della bontà, della generosità, della bellezza e una costante resilienza che passa da Nord a Sud. Lapo Elkann crede nella rinascita, nella capacità dell’Italia di tornare forte e, perché no, protagonista. In un clima così negativo messaggi positivi sono preziosi come l’oro.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!