Maria De Filippi confessa, “Ecco perché Amici 19 non si è fermato…”

Con l’emergenza mondiale legata al dilagare del Coronavirus, tutti i programmi televisivi hanno subìto delle conseguenze. Molti sono stati sospesi, per altri sono previste le repliche mentre altri ancora continuano ad andare in onda in maniera completamente stravolta. È questo il caso di Amici di Maria De Filippi. La conduttrice, che ha bloccato già da diversi giorni la messa in onda di Uomini e Donne, ha spiegato il perché, invece, Amici non è stato cancellato.

Maria De Filippi, avanti tutta con Amici

Maria De Filippi, a poche ore dalla finale che decreterà il vincitore di Amici 19, ha concesso un’intervista al Corriere della Sera. Durante la chiacchierata con il giornalista, la conduttrice ha parlato di come sia strano andare avanti nella messa in onda in una situazione come quella attuale. Senza pubblico, con la forza lavoro ridotta al minimo indispensabile, è davvero complicato.

“È tutto strano, particolare”, ha esordito la De Filippi. “Ti sembra di fare una perenne prova, l’unica differenza quando inizia la puntata è che sei truccata. Ma penso che queste dirette sospese nel tempoo abbiano portato in tutti una dimensione più vera” ha aggiunto.

Subito dopo arriva la spiegazione sul motivo per cui, a differenza di altri programmi, Amici non è stato sospeso. “Una parte di me diceva di non volere andare in onda” ha confessato. A quanto pare, però, l’invito a continuare è arrivato da Berlusconi per il quale andare avanti era la scelta giusta. Per la rete era importante mantenere un’alternativa all’informazione ed Amici era  proprio la migliore che ci potesse essere.

La reazione di tutti

I ragazzi all’interno della scuola hanno da subito mostrato la propria preoccupazione per la diffusione del Coronavirus. Essere lontani dalle famiglie, in certi casi, è davvero difficile. Dopo aver chiarito i motivi per cui la messa in onda non è stata sospesa, Maria De Filippi parla di quelle che sono le reazioni di tutti in questa situazione.

“I ragazzi non hanno percepito quanto a casa possono piacere o non piacere”, dice. Difficile, tra l’altro, che questo avvenga quando non c’è il pubblico in studio ad applaudire le esibizioni. “Quest’atmosfera rarefatta”, ha aggiunto la conduttrice, “mi ha reso più sensibile”. Il riferimento, molto probabilmente, è la commozione legata all’eliminazione di Jacopo di due settimane fa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Patrizia Maimone: Appassionata di scrittura, webwriter con esperienza decennale, sono convinta che le parole sono al centro del mondo. Come diceva Alessandro Baricco, "Scrivere è una forma sofisticata di silenzio".