Coronavirus in Italia, bollettino del 3 aprile 2020, 119.827 contagi

Coronavirus Bollettino

Il Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha ufficializzato i numeri relativi alla diffusione del Coronavirus in Italia alla data di oggi 3 aprile 2020. Ancora una volta, come tutti speravamo, i numeri parlano di una stabilizzazione della situazione con una tendenza alla diminuzione dei casi.

Rispetto ai numeri visti la scorsa settimana, infatti, i casi accertati sono minori e, soprattutto, si mantengono bassi gli accessi alla terapia intensiva. Borrelli ha poi tenuto a fare una precisazione importantissima. Quale? Vediamolo.

Coronavirus in Italia, 2.339 nuovi contagi

Sono 2.339 i nuovi contagi da Coronavirus che si sono registrati in Italia nelle ultime 24 ore. L’incremento, rispetto al bollettino della giornata di ieri, è pari al 2,8% con un numero di casi attivi che sale a 85.388 persone. Di questi, il 62%, ovvero 52.572 persone si trovano in isolamento domiciliare fiduciario con pochi sintomi o con un’assenza di sintomi. In ospedale si trova un totale di 28.741 pazienti con un incremento di 201 unità rispetto a ieri. In terapia intensiva si registrano 15 ingressi in più con un totale di 4.068 pazienti.

Il numero totale, ad oggi, di coloro che sono entrati in contatto con il Coronavirus è pari a 119.827 persone. In questo numero, oltre agli attualmente positivi, si trovano anche i deceduti e coloro che sono definitivamente guariti. A questo proposito, i deceduti nelle ultime 24 ore sono stati 766 che hanno portato il totale dei morti a 14.681 persone.

Notevole è l’incremento dei guariti della giornata odierna. Coloro che hanno superato l’infezione sono 1.480 per un numero totale pari a 19.758 ed un incremento dell’8,1% rispetto a quanto abbiamo già visto. Borrelli ha precisato che negli ultimi due giorni sono stati effettuati, in Italia, oltre 80 mila tamponi per un totale, dall’inizio dell’emergenza, pari a 619.849 tamponi.

Le Regioni più colpite

In base a quanto comunicato, anche oggi le Regioni italiane più colpite dal Coronavirus sono la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto, il Piemonte e la Toscana. Basilicata, Molise e Valle D’Aosta, invece, sono tra le Regioni meno colpite.

Angelo Borrelli ha tenuto a fare delle precisazioni sul fraintendimento delle sue parole inerenti la proroga delle restrizioni fino al 16 maggio avvenuto nel primo pomeriggio. “Le mie parole di oggi sono state fraintese, non ho parlato di date ed ho detto chiaramente che, come fatto fino ad ora, ogni decisione sarà presa sulla base delle osservazioni del Comitato Tecnico Scientifico” ha detto.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!