Alda D’Eusanio afferma di essere alleata di Barbara D’Urso e la difende

Alda D’Eusanio
Alda D’Eusanio e Barbara D'Urso

Alda D’Eusanio prende le difese di Barbara D’Urso

Alda D’Eusanio è tra le poche ad avere preso le difese di Barbara D’Urso e a spiegare il perché del suo pensiero. Sul web da circa una settimana non si fa che leggere altro, la puntata dell’ultima domenica di marzo di Live non è la d’Urso e infatti la più discussa della storia. Si parla solo ed esclusivamente di quanto avvenuto durante l’ospitata di Matteo Salvini.

Durante l’intervista Infatti Matteo Salvini ha voluto dedicare un pensiero, una preghiera di addio ai defunti del coronavirus, l’eterno riposo. A Molti questo non è andato giù, quindi le ribellioni sono state tantissime. Chiunque si è lamentato del fatto che in una tv non si può vedere tutto questo, che più che sembrare un saluto, è un qualcosa di mediatico.

Alda D’Eusanio, la libertà di parola e di pensiero è soltanto una legge che non viene rispettata

Alda D’Eusanio non la pensa così, a differenza di altri non ha voluto mettersi da parte o nascondere la testa sotto la sabbia. Ha scelto di difenderla pubblicamente, sia perché sono amiche sia perché voleva far sapere al pubblico come lei la pensa realmente. Sappiamo comunque che Alda D’Eusanio e Barbara D’Urso sono amiche infatti spesso è stata ospitata nei suoi programmi Mediaset.

Così Alda ha detto che viviamo in una Repubblica dove vige la libertà di religione così come quella di parola e di pensiero. A che serve dare libertà se poi quando si cerca di esprimere il proprio pensiero con atteggiamenti e fatti, si viene criticati?

Il fatto è che nei confronti di Barbara D’Urso non è arrivata soltanto la critica. Dopo la puntata infatti è stata chiesta la sospensione del programma e l’espulsione di Barbara D’Urso. Perché? Se tutto questo nasce a causa dell’antipatia che si nutre nei confronti della conduttrice o nei confronti di Matteo Salvini la soluzione non è eliminarli dalla TV o dalla politica.

La soluzione è nel caso della conduttrice prendere il telecomando e cambiare canale. Nel caso del politico evitare di votarlo. Non si può togliere la libertà di parola se c’è prima la libertà di pensiero. Altrimenti bisogna cambiare le regole e dire che ognuno può pensare ciò che vuole ma non può esprimere il proprio parere.

Proprio come in passato accadde a lei in Rai

La D’Eusanio approfitta per ricordare Quanto accaduto a lei in passato. Per aver detto ad un ragazzo, che era uscito dal lungo coma con un forte handicap, che al suo posto avrebbe preferito morire, venne esclusa dalla Rai per 3 anni. Questo è il prezzo da pagare per essere sinceri anche sul grande schermo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!