Uomo non va in pensione e continua a lavorare: ecco cosa gli spetta

Foto d'archivio

Nel Regno Unito, i quotidiani hanno dato notizia di un uomo che non va in pensione e ha continuato a lavorare. Per sua fortuna (un po’ meno per lo stato) ha totalizzato così un credito nei riguardi dello Stato, il quale dovrà versargli oltre 140 mila sterline entro la settimana.

Uomo non va in pensione ma continua a lavorare: identità ignota

L’episodio alquanto strano ha coinvolto un uomo di York, cittadina inglese, il quale credeva di poter continuare a lavorare anche oltre l’età pensionabile. Dopo aver superato di gran lunga quindi l’anno in cui avrebbe potuto tranquillamente starsene a casa e percepire la pensione, sono state esperite delle indagini sul caso. Stando a quanto raccontano i quotidiani inglesi, l’uomo ha preferito rimanere nell’anonimato per questioni di riservatezza.

Le dichiarazioni del consigliere Graham

A ben vedere però, i cittadini del posto si sono posti non pochi quesiti a riguardo. Quesiti a cui ha cercato di dare risposte esaustive il consigliere locale Michael Graham ha dichiarato. Quest’ultimo in un’intervista ha infatti spiegato che l’amministrazione locale sta provando ad ottimizzare i suoi strumenti informativi.

Questo al fine di garantire ai residenti una maggiore sicurezza della liquidità loro spettante. Grazie alle indagini che si svolgono nell’ufficio preposto è possibile dunque identificare se un soggetto abbia o meno diritto a più benefici e indennità rispetto a quello che invece sta percependo.

Sulla questione dell’uomo non andato in pensione, il consigliere ha spiegato che si tratta di un anziano  signore di 80 anni, che era in credito con la sua tassa comunale ma non rivendicava i benefici corretti”.

Cosa avrà adesso l’uomo?

Ma cosa spetta adesso all’uomo che ha lavorato più del dovuto? Il consigliere Graham ha sottolineato che tutt’oggi l’uomo continua a fare il suo lavoro senza fermarsi. Il tutto non rendendosi conto di avere ad esempio diritto alla pensione di anzianità statale e continuare a lavorare.

Per suo conto dunque l’amministrazione si è messa in contatto con il servizio pensionistico, che ha esaminato la questione. Ha pertanto convocato l’uomo, informandolo che gli spettano oltre 140.000 sterline e un extra di 185 sterline a settimana, per questi anni di servizio.

L’età della pensione statale mel Regno Unito si calcola in base al sesso e alla data di nascita. Il Governo sta meditando su una sua possibile revisione. Non a caso si auspica un aumento dell’età pensionabile fino a 68 anni tra il 2037 e il 2039.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!