Beppe Fiorello sfoga la sua rabbia su Twitter “Siete complici del contagio”

Beppe Fiorello
Beppe Fiorello

Beppe Fiorello al veleno sui social contro chi non rispetta le restrizioni governative per bloccare il contagio da Covid19

Beppe Fiorello indignato su Twitter dice la sua parola su coloro che non rispettano le restrizioni per la diffusione di contagio da Coronavirus. L’attore, dice che non ci sono scuse per queste persone che non rispettano gli altri e nemmeno se stesse.

Mettono a rischio la salute di tutti per la loro idiozia. Secondo Fiorello, in queste ore, chi cerca di scappare dai palazzi per raggiungere la montagna, il mare o la campagna, potrebbe diventare complice della tragedia che si sta consumando per la diffusione del Covid-19. Il fratello minore di Rosario Fiorello è davvero esploso di rabbia sui social network e non è la prima volta che ha deciso di sfogarsi sul web per qualcosa che non gli va giù.

Beppe Fiorello e lo sfogo sui social

Beppe Fiorello classe 1969, sul suo profilo Twitter ha scritto delle parole di indignazione. Ha detto che ci sono delle persone che muoiono e altri ancora che moriranno, senza neanche poter più respirare. Secondo lui, chi ha preso la macchina ed è scappato via per andare in campagna è semplicemente una persona che non rispetta gli altri e non si rende conto di mettere in pericolo la salute anche dei suoi cari.

Ha voluto dire che chi fa in questo modo è complice del contagio infinito che stiamo vivendo. Il produttore e attore cinematografico, si riferisce alle foto di macchine che in queste ore tra Pasquetta e Pasqua stanno girando sul web e sulle testate giornalistiche.

I commenti sui social network

Tutti i fans dell’attore gli hanno dato subito ragione, dicendo che chi fa una cosa di questo tipo si deve soltanto vergognare. Tra i vari commenti c’è anche quello di chi non è d’accordo e dice invece, che è tutta una mossa per cercare di sostenere il governo che ha sbagliato molto su questa pandemia.

In altre occasioni Beppe Fiorello aveva detto le sue parole anche di protesta nei confronti dei canti dal balcone che secondo lui non sarebbe stati rispettosi dei morti e delle loro famiglie. Inoltre, ha voluto anche ricordare la scena di numerosi camion militari che portavano i cadaveri fuori dalle città. L’attore ha espresso anche il suo sostegno al forze dell’ordine, alla protezione civile e al governo di Giuseppe Conte per quanto stanno facendo. Ha ribadito quanto sia necessario rispettare questi divieti con rigore e forza.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!