“Mi fa stancare molto…”: Paolo Bonolis, la confessione inattesa su Avanti un altro

Paolo Bonolis

Paolo Bonolis e la confessione su Avanti un altro

Da oltre un mese, a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, i vertici Mediaset hanno deciso di sospendere la messa in onda delle puntate inedite di Avanti un altro, il game show del preserale di Canale 5. Al suo posto sempre il quiz di Paolo Bonolis e Luca Laurenti ma con degli episodi in replica. Una decisione che ha scatenato la rabbia del professionista romano che ha avuto dei duri sfogo sui suoi canali social.

Il marito di Sonia Bruganelli non comprende la decisione dei dirigenti del Biscione visto che tutte le puntate era state registrate in largo anticipo e quindi disponibili. Nel frattempo Bonolis si è dato alla radio. Infatti dopo il turno di Maria De Filippi e Cristiano Malgioglio nella giornata di Pasqua, ieri a RTL 102.5 è intervenuto Paolo. Parlando della conduzione al game Mediaset ha ammesso che il gioco finale lo fa stancare molto.

Il nuovo progetto di lavoro del conduttore romano

Intervenuto a RTL 102.5, oltre ad aver ammesso di sentirsi particolarmente stanco al termine di ogni episodio di Avanti un altro, Paolo Bonolis ha svelato i suoi progetti futuri. Il professionista romano ha in mente qualcosa che potrebbe dare una svolta alla sua prestigiosa e lunga carriera.

Il collega di Luca Laurenti, che in questo mese sta diventando tecnologico realizzando diverse dirette su Instagram, ha detto che vorrebbe dedicarsi alla realizzazione di documentari divertenti: “Credo che la divulgazione possa essere molto più acquisibile se fatta in maniera divertente, un po’ come facevo a Bim Bum Bam”.

Paolo Bonolis parla del Festival di Sanremo

Durante il suo lungo intervento nella radio più ascoltata d’Italia, Paolo Bonolis è tornato a parlare anche del Festival di Sanremo. Il conduttore di Avanti un altro rifarebbe nuovamente la kermesse canora, ma ad una sola condizione: “Lo rifarei ma c’è bisogno di renderlo più contemporaneo. L’Ariston ha esaurito le sue possibilità”.

Stando al marito della produttrice Sonia Bruganelli, bisogna cambiare location. Quindi non più il teatro della cittadina ligure ma servirebbe uno spazio più grande per rendere la manifestazione simile all’European Song Contest.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!