Raimondo Vianello: il nostro ricordo a 10 anni esatti dalla scompassa

Raimondo Vianello

Ci lasciava il 15 aprile del 2010 Raimondo Vianello, pietra miliare della televisione italiana.

Difficile non ricordare la coppia più bella Della televisione italiana di tutti i tempi: Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Mostri sacri della televisione italiana e della comicità senza tempo.

Raimondo Vianello, il padre del varietà

I suoi natali risalgono al 1922, precisamente il 7 maggio, e già negli anni ’50 si fa strada nel cinema facendo da spalla ai grandissimi di quel tempo come Ugo Tognazzi e il principe ToTò. Dopo anni di gavetta approda in Tv al fianco proprio di Tognazzi dando vita al primo varietà italiano dal nome “Un due tre” che andrà in onda per ben 5 anni (dal ’54 al ’59). Il loro successo è spropositato ma interrotto bruscamente a causa di uno sketch a sfondo politico che gli costerà la chiusura del programma.

Raimondo e Sandra: la coppia perfetta

Nel 1962 la coppia formata da Raimondo Vianello e Sandra Mondaini convola a nozze. Sarà l’unione sentimentale ed artistica più longeva di sempre: 52 anni passati a far divertire in modo ironico tre generazioni di italiani. Ed è cosi’ che, negli anni 70 nasce il sodalizio indissolubile con trasmissioni del calibro di “Stasera niente di nuovo”,”Tante scuse”, “Noi… no!”. (Continua dopo le foto)

La nascita di Fininvest ed il salto nel buio

Due personaggi di questo calibro non potevano che essere anche precursori della televisione privata. Sono infatti i primi ad abbandonare “mamma Rai” per dare corpo a quella che erta la scommessa di Silvio Berlusconi ovvero Fininvest (che oggi conosciamo sotto il nome di Mediaset ndr.)

Sotto la loro sapiente supervisione nel 1982 creano “Attenti a noi due” e Raimondo diventa uno dei presentatori di punta della rete con programmi come “Pressing” e l’indimenticabile “Gioco dei 9“. Lascerà le reti private solo in un’occasione: nel 1998 presenterà il Festival di Sanremo ed otterrà un successo che la gara canora non vedeva da anni.

Casa Vianello: il capolavoro indiscusso della coppia

Non potevamo non ricordare quello che per molti è stato il capolavoro e, per certi versi il testamento spirituale, della coppia: Casa Vianello. Questo programma nasce nel 1988 e avrà ben 16 stagioni, ponendo il record di longevità di una sit-com.

Chi vi scrive ha avuto il privilegio di seguirli in quegli anni e, a 10 anni dalla scomparsa del mai volgare Raimondo non posso che chiudere con una frase cara alla moglie Sandra: Raimondo, senza di te… “Che barba, che noia”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!