Eva Henger da infarto: perizoma inesistente e lato b da urlo (FOTO)

Eva Henger torna a farsi ammirare dai suoi follower

E’ oramai da un po di tempo che Eva Henger posta sui suoi social foto e video che mostrano come, con duro lavoro, sia tornata in forma. Dall’alto dei suoi 47 anni fa impallidire donne molto più giovani senza cadere mai nel volgare. Grazie a questa pandemia da Covid-19 infatti, ha molto più tempo da dedicare a se stessa ed ai suoi fan, visibilmente grati per l’attenzione che ha di loro.

Dalla dura ginnastica in giardino al rassodamento

La bella opinionista non fa segreto infatti sul fatto di sottoporsi a lunghe sedute di ginnastica per tonificare e scolpire il suo avvenente corpo. Poche ore fa infatti ha postato su Instagram uno degli esercizi che ha svolto in mattinata nel suo giardino. Sembra infatti rifiorita e tornata indietro negli anni di almeno un paio di lustri. A rafforzare questa affermazione sono le foto che sta regalando ai suoi 880mila fan di Instagram.

Eva Henger: la foto incredibile e il lato B disegnato

Oggi, Eva Henger, ha voluto regalare al suo pubblico una foto d’autore che la ritrae di spalle di fronte ad un letto imponente e con addosso solo un piccolo reggiseno e un perizoma che si nasconde tra le sue curve. I capelli, lunghissimi e biondi, coprono in maniera perfetta la sua schiena e permettono di ammirarla in tutto il suo splendore. (Continua dopo il post)

La reazione dei follower ed i commenti

La foto artistica dal titolo “Solo l’uomo forte o felice può sopportare l’invidia” ha raggiunto in pochissimo tempo più di 42mila mi piace e i commenti oltre mille, tutti risultati positivi.

Sicuramente per Eva Henger deve essere stata una soddisfazione immensa tornare in forma e fare di nuovo breccia nei pensieri degli italiani. Se questa quarantena ci ha insegnato qualcosa è proprio quella di provare a prendere un po di tempo per noi stessi e dedicarci a quelle cose che, per mancanza di tempo, avevamo chiuso in un cassetto. Di questo sicuramente Eva ne ha fatto tesoro.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Patrizio D.: