Coronavirus in Italia, bollettino del 20 aprile 2020, 181.228 casi

Coronavirus Bollettino

La Protezione Civile ha reso noti i numeri della diffusione del Coronavirus in Italia alla data del 20 aprile 2020. Quelli appena enunciati sono dati molto importanti dal momento che per la prima volta dall’inizio dell’emergenza si è registrato un importantissimo dato in negativo: quello dei nuovi contagi. Un numero che si attendeva da molto tempo e che, seppur limitato, apre ottimi spiragli.

Sono, in tutto, 181.228 i casi di Covid-19 in Italia dal momento in cui è scoppiata l’epidemia. Diminuiti i ricoveri, sia ordinari che in terapia intensiva. Leggermente aumentati, invece, i decessi che, comunque, si mantengono al di sotto delle 460 unità. Arrivano quasi a 49 mila i guariti e dimessi. Vediamo nel dettaglio quanto è stato comunicato.

Coronavirus in Italia, diminuzioni importanti

Continua a diminuire la pressione sulle strutture sanitarie in Italia. Il Coronavirus, dunque, pare allentare ancora di più la sua morsa sul nostro Paese dove, attualmente, ci sono 108.237 soggetti positivi. Si tratta di 20 casi in meno rispetto al bollettino comunicato ieri. È la prima volta che vediamo il segno meno dinnanzi a questo dato e, seppur di poche unità, è un parametro importantissimo.

Delle persone attualmente positive, il 75% (80.758 soggetti) si trova in isolamento domiciliare fiduciario con pochi sintomi o con assenza di sintomatologia. I ricoverati in ospedale sono, ad oggi, 24.906 persone con un decremento di 127 unità rispetto a ieri. Scende di 62 unità la presenza nelle terapie intensive che è, attualmente, pari a 2.537 persone. I morti sono 454 per un totale di 24.114 dall’inizio dell’emergenza. Sono saliti a 48.887 i guariti e dimessi con un incremento di 1.822 rispetto a ieri.

Un’analisi dei dati odierni

Appare importantissimo fare alcune considerazioni importanti sui dati comunicati ad oggi. Il Coronavirus, lo abbiamo detto, sta allentando la presa e questo si traduce in un -20 nuovi contagi nelle ultime 24 ore (ieri eravamo ad un +486 rispetto alla giornata precedente). I dati che hanno valore positivo se in discesa sono i ricoveri, i positivi ed i morti. Quelli che hanno valore positivo se aumentano sono, invece, inerenti ai dimessi e agli isolamenti domiciliari.

Ad oggi, tutti i valori sono in linea eccetto quello inerente i decessi. È stato ribadito, comunque, che questo sarà il numero che, per ultimo, verrà allineato agli altri anche perché i decessi odierni si riferiscono a contagi avvenuti fino ad una ventina di giorni fa. In Conferenza Stampa si è ribadito che i numeri sono incoraggianti ma che la battaglia non è ancora vinta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!