Malika Ayane, la cantante vittima degli haters per le origini del padre

Malika Ayane

La cantante Malika Ayane risponde alle critiche degli haters per le origini del padre con la musica, che va oltre l’ipocrisia di fondo

Bravissima e con una voce fuori dal comune, Malika Ayane sarà una delle protagoniste del programma su Rai 1 ‘Stasera… Laura! Ho creduto in un sogno‘. Il programma si è svolto presso il Teatro Antico di Taormina e ha avuto come scopo quello di festeggiare i venti anni di carriera di Laura Pausini. Nata a Milano, Malika ha origini nordafricane e ha ricevuto delle critiche proprio in merito a questo.

Nel 2019 è stata giudice a X Factor, un’edizione in cui lei si è distinta per il suo piglio inflessibile e severo. Questo suo atteggiamento le è costato anche tanti insulti giunti dal web. La Ayane ha risposto con garbo e con la convinzione che la musica non dividere ma dovrebbe invece unire. Purtroppo all’interno del reality canoro non ha avuto fortuna e con gli altri giudici non è nato alcun rapporto armonioso di collaborazione.

Malika Ayane e la sua carriera

La cantante ha una figlia, Mia, oggi 14enne, che ha avuto quando aveva ventuno anni. In passato è stata sposata con Federico Brugia, il matrimonio è durato dal 2011 al 2016. Ad oggi ha un nuovo amore, e si chiama Claudio Fratini. Con il manager Malika da due anni vive una intensa relazione, ma non fa progetti per il futuro.

La cantante ha iniziato a muoversi nell’ambiente musicale quando era molto giovane e a 35 anni ha alle spalle cinque album. Per quattro volte è salita sul palco dell’Ariston, partecipando come ospite ma anche come concorrente. In questi ultimi tempi la cantante non si è espressa sulla situazione che stiamo vivendo, e ha scelto di non mostrarsi.

La Ayane risponde alle critiche con la musica

Artista di grande bravura, Malika Ayane è una persona di poche parole e ama più cantare che parlare. Tuttavia, ha abbastanza coraggio per schierarsi su quelli che per lei sono argomenti molto importanti. Quello del razzismo è infatti uno di quelli che la tocca profondamente, perché è stata a volte oggetto di scherno a causa delle sue origini marocchine.

L’artista ha definito ipocriti coloro che spesso hanno detto che lei è brava anche se è marocchina. Queste parole le hanno sempre fatto pensare che gente come lei non dovrebbe aver diritto a certe cose. Ma lei, più che replicare, ha risposto con la musica!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Giusy: Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.