Birrificio organizza un Brindisi virtuale per gli amanti della “bionda”

Brindisi virtuale

La quarantena e il look-down generalizzato a molti stati del mondo, ha costretto le persone a rinunciare alle proprie passioni. Tra queste sicuramente quella di incontrarsi la sera con gli amici per bere un bicchiere di birra insieme.

Ma ecco che arriva un’idea stravagante ma geniale da un birrificio americano. Ovvero un brindisi virtuale a cui possono partecipare davvero tutti coloro che ne siano interessati. Non per forza si deve bere la “bionda” ma anche acqua: lo scopo non è ubriacarsi ma avvicinarsi in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo

Brindisi virtuale: l’idea del Birrificio in Ohio

Ad organizzare il brindisi virtuale un birrificio dell’Ohio per perseguire scopi ben precisi. Il titolare ha deciso di invitare tutti coloro che sono appassionati di bevande e non (di tutte le età )a partecipare a un tentativo record di brindisi virtuale più grande del mondo. Un’idea che dovrebbe avvicinare il mondo intero, e dovrebbe aiutare le persone a provare una parvenza di normalità

Il titolare del birrificio Jolly a Cleveland ha detto che le persone possono partecipare dalle proprie case durante il blocco del coronavirus andando alla pagina Facebook del birrificio alle 19:00 del 1 maggio.

Ci sarà una difetta video

Il birrificio ha in programma di andare in diretta con un video con Les “The Beer Guy” Flake, un famoso venditore di birra ai giochi di Cleveland Indians. A condurre il brindisi virtuale proprio Flake che prima introdurrà la cosa con un suo discorso e poi inviterà i collegati ad alzare i loro calici.

Il proprietario di Jolly Scholar, Matt Vann, ha detto che persone di tutte le età sono invitate a partecipare, e comunque non per forza devono usare bevande alcoliche. Matt ha infatti spiegato in una intervista che le persone possono partecipare a questo mondiale evento anche con acqua in bottiglia, succo di frutta, qualunque cosa. Lo scopo non è bere ma sentirsi vicini anche se distanti, e al contempo guadagnarsi il Guinness World Record.

I partecipanti sono incoraggiati a riprendere il momento del brindisi con video e selfie. Questo, in modo che poi si possano inviare le prove di quanto avvenuto al sito Web RecordSetter.com, che emetterà quindi i certificati per i partecipanti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!