Coronavirus, denunciate due donne positive in strada: ‘Noi stiamo bene’

Coronavirus, donne a passeggio

Assurdo quanto successo a Misano Adriatico. Due donne, affette dal Coronavirus, sostavano tranquillamente in strada, a dispetto di tutte le norme di sicurezza e le disposizioni sanitarie messe in atto nel nostro Paese per arginare i contagi. Ciò che ha fatto scalpore è la risposta delle due signore, che hanno affermato di essere nel giusto uscendo in strada, visto che si sentivano bene anche se positive al Covid-19.

Coronavirus: due donne di Misano Adriatico denunciate

Nonostante le continue raccomandazioni, ancora troppe persone violano le norme di sicurezza e le restrizioni, gli unici due strumenti atti a contenere il contagio da Coronavirus, almeno fino a quando non si avrà un vaccino capace di garantire l’immunità di gregge.

Due donne di 51 e 72 anni, entrambe affette da Coronavirus, sostavano come se nulla fosse in strada. E pare non si sia trattato di un caso isolato. Le signore, dopo essere state fermate dalle forze dell’ordine, hanno asserito di sentirsi bene e di non accusare sintomi, ragion per cui, secondo loro, potevano uscire dalla propria abitazione. Entrambe sono state denunciate per violazione delle misure di contenimento dell’emergenza e per epidemia colposa.

La denuncia è partita dagli inquilini del palazzo

A notare dei movimenti sospetti sono stati gli inquilini del palazzo nel quale abitavano le due donne affette da Coronavirus. La 72enne e la 51enne, entrambe residenti nello stesso condominio, erano solite uscire di casa, sebbene positive al Covid-19 e dunque obbligate alla quarantena, come da disposizioni.

A conoscenza della situazione, alcuni inquilini del palazzo nel quale abitano le due signore, hanno deciso di avvertire le Autorità, così da porre fine al loro comportamento evidentemente irresponsabile, specie in un momento così delicato del nostro Paese, che si sta avviando verso la Fase 2 e alla graduale riapertura di attività. Una riapertura che avverrà, ovviamente, se i contagi non aumenteranno. Proprio per questo, l’invito è di rispettare, oggi più che mai, le disposizioni atte a contenere il contagio da Coronavirus.

Una delle due donne non indossava la mascherina

Dopo numerose segnalazioni giunte alla Stazione dei Carabinieri, nella mattinata del 21 aprile, gli agenti si sono recati sul luogo. Le forze dell’ordine hanno colto in flagrante le due donne, intente a sistemare la piccola aiuola dello stabile. La loro risposta è stata piccata, in quanto hanno sostenuto di poter uscire in quanto non in gravi condizioni di salute. Una di esse, non indossava nemmeno la mascherina.

Gravi i capi d’accusa per le due donne. I Carabinieri non hanno voluto sentire ragioni e ha denunciato entrambe per violazione delle misure di contenimento dell’emergenza e per epidemia colposa, come prevedono le norme di sicurezza per arginare il Coronavirus.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!