Invasione di pavoni in una officina meccanica: shock del titolare

Invasione di pavoni in una officina

Un giovane meccanico è rimasto di stucco nel vedere l’invasione di pavoni in una officina, precisamente la sua. Sebbene i pavoni ovviamente non siano affatto animali terrificanti, è stato per il titolare piuttosto spaventoso alzare la saracinesca e vedere tanti uccelli divertirsi all’interno della sua stanza di lavoro.

Invasione di pavoni in una officina: bizzarro episodio nel Kent

L’invasione di pavoni in una officina è avvenuta nel Kent. Precisamente nel garage della Campbells of Deal. Il giovane ha reagito a quella presenza urlando e scappando via. A distanza di giorni poi, passato lo spavento, tutti si sono affezionati agli uccelli, e hanno scoperto persino come si chiamano. Ovvero Blanche, Gulliver, Prince e Victor.

Neil Ewbank, il proprietario del negozio – che è aperto solo per le emergenze a causa del blocco del coronavirus – ha detto che in realtà non gli danno fastidio gli uccelli in giro, anche se è facile che possano verificarsi alcuni “incidenti”. Anzi, se ripensa alla reazione avuta nel vederli ride di sé stesso. In fondo i pavoni non possono fare del male a nessuno.

E infatti, una volta superato lo shock iniziale di vedere ben quattro grandi uccelli in ufficio, è stato quasi naturale volerli tenere con sé. Tenerli ovviamente dando loro il massimo della libertà. Il meccanico non ha deciso di adottarli, bensì di consentire loro di andarli a trovare. Anche perché pare che i quattro furbetto abbiano già il loro padrone. Non a caso ogni notte, tutti e quattro, uno in coda all’altro, tornano dal loro proprietario, un uomo di nome Paul Lewis che vive nel villaggio di Sholden, a un discreto miglio e mezzo di distanza.

Tagliare le ali ai pavoni

Il padrone degli uccelli ha spiegato che i possessori di pavoni di solito sono costretti a tagliar loro le ali per evitare che si allontanino. Contrariamente a questi usi, lui ha deciso di lasciare gli arti dei volatili integri, onde evitare di limitare la loro libertà e la loro capacità di esprimersi. Comunque sia assicura che si tratta di animali molto allegri, del tutto innocui. Non sarebbero capaci di fare del male a nessuno.

Anzi, proprio per questo motivo permette loro di vagare e di andare a trovare Neil nella sua officina. L’officina ha quattro nuove mascotte a far compagnia a Neil e ai suoi collaboratori.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!