Flavio Insinna su L’Eredità, dal 4 maggio le nuove puntate?

Flavio Insinna
Flavio Insinna

Flavio Insinna è, indubbiamente, tra gli attori e conduttori più amati in Italia. Al timone de L’Eredità da diverso tempo ormai, il conduttore è entrato a pieno titolo nel cuore di milioni di italiani che, ogni sera, si dilettano a seguirlo alla conduzione del preserale di Rai Uno. Nelle ultime settimane, però, qualcosa è cambiato. L’Eredità non va in onda con puntate inedite ma soltanto con repliche.

Questa decisione si è resa indispensabile a causa dell’emergenza Coronavirus che ha costretto a drastici cambiamenti nel palinsesto televisivo. Ieri pomeriggio, però, Flavio Insinna è intervenuto a Domenica In, ospite in collegamento video di Mara Venier. Tra gli argomenti affrontati vi è proprio quello de L’Eredità. Quando tornerà in onda con le nuove puntate? Vediamolo.

Flavio Insinna e il ritorno de L’Eredità

Sono diversi i rumors che hanno iniziato a circolare da un paio di giorni a questa parte su L’Eredità. Voci di settore parlavano di una ripresa praticamente imminente delle registrazioni delle nuove puntate. Il tutto, naturalmente, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza dovute, sempre, all’emergenza sul Covid-19. Flavio Insinna, nel collegamento con Mara Venier, ha confermato le suddette voci parlando di una possibile ripresa a partire dal 4 maggio.

Nulla, ovviamente, di confermato dal momento che quando Insinna ha espresso questo pensiero il nuovo DCPM di Giuseppe Conte non era ancora noto. “Stiamo cercando di continuare a lavorare per L’Eredità” ha detto Insinna commosso per l’affetto che il pubblico continua a dimostrare a lui e al programma. Nonostante, infatti, stiano andando in onda le repliche, il pubblico è sempre numeroso.

Le preoccupazioni per il Coronavirus

L’intervento di Flavio Insinna a Domenica In, però, non si è limitato a L’Eredità. Il conduttore, infatti, ha voluto soffermarsi anche sulla preoccupazione per la propria famiglia, lontana a causa delle restrizioni. “Mia mamma è da un’altra parte con mia sorella” ha affermato, proseguendo penso a loro tutti i giorni. Inevitabile la nostalgia negli occhi dell’uomo da sempre legatissimo a tutta la sua famiglia.

Un pensiero particolare, poi, è andato a tutti quelli che hanno subìto un lutto in questi mesi a causa del Covid-19, alle persone che stanno soffrendo negli ospedali e non solo. La vicinanza con il cuore è dovuta a tutti quelli che hanno seppellito i propri genitori senza alcuna cerimonia, a tutti coloro che non hanno potuto dare l’ultimo saluto ai propri cari.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!