Avvistato un Polpo a Venezia, video postato sul web esaminato dagli esperti [Video]

Da qualche ora circola sul web un video di Venezia, dove pare sia stato avvistato un polpo che galleggia lungo i canali.

Avvistato un polpo: il video postato sui social

Il filmato condiviso sui social media da Marco Sigovini mostra la grande creatura che galleggia nell’acqua vicino a Piazzale Roma nel capoluogo veneto. È infatti stato avvistato un polpo, proprio in questo periodo in cui c’è carenza di turismo. A causa della quarantena, molte sono state le disdette di viaggi turistici, e le strade veneziane sono a dir poco vuote e tranquille.

Da quando hanno pubblicato il filmato, gli esperti hanno iniziato ad esaminare la cosa, chiedendosi come sia possibile che un simile animale navighi le acque a Venezia. Luca Mizzan, direttore del Museo di storia naturale della città, ha dichiarato al Corriere del Veneto che nulla poteva essere escluso e che poteva anche essere un montaggio ben fatto. Secondo Mizzan: “È davvero molto strano che un polpo possa arrivarci in quell’ambiente così lontano dal mare e vicino all’entroterra. Nulla può essere escluso anche se è uno scherzo. Il video mostra che è un polipo visibilmente sano, non ha paura.”

Anche gli ecologisti intervengono a riguardo

Irene Guarneri è una degli ecologisti che ha esaminato la clip. Parlando del filmato e del suo significato, ha detto che sebbene non sia del tutto improbabile che queste creature possano essere avvistate nelle acque lì, è “certamente molto raro”. Secondo il suo punto di vista, questa cosa è correlata alla riduzione del traffico navale provocata dal coronavirus.

Per settimane, Venezia, come molte altre destinazioni popolari, è stata abbandonata, senza gondole, navi da crociera o vaporetti in vista, lasciando le acque libere dal traffico e dall’inquinamento. All’inizio di questo mese, è stata avvistata anche una medusa che nuotava attraverso i canali. Il biologo Andrea Mangoni, che lavora a Venezia, è stato in grado di catturare una clip della medusa mentre si faceva strada attraverso l’acqua, che ora è cristallina a causa del blocco in corso di coronavirus.

Gli animali visibili per il calo dell’inquinamento delle acque

Proprio il dott. Mangoni ha detto che la bassa marea unita al basso traffico ha permesso di vedere gli animali tornare ai canali.

Condividendo la sua clip su Instagram, Mangoni ha scritto: “A volte devi solo cambiare il tuo punto di vista, per ammirare un fantasma che si muove attraverso i palazzi veneziani. Grazie alla calma eccezionale dei canali di Venezia a causa dell’assenza di barche, questa medusa [barile] ( rhizostoma pulmo ) ha nuotato nelle acque trasparenti vicino al Ponte Baretteri e sembrava scivolare attraverso il riflesso degli edifici”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!