Cacca di pollo nel parco: l’idea svedese per evitare le feste di piazza

In molti stati, le amministrazioni faticano a convincere i cittadini a rimanere a casa. Le abitudini e le tradizioni purtroppo sono dure a morire. Per questo motivo, i funzionari di una città svedese hanno deciso di scaricare più di una tonnellata di cacca di pollo nel parco popolare per impedire ai festaioli di radunarsi per celebrare una festa popolare.

Cacca di pollo nel parco: Lund vuole vietare la festa di paese così

La città di Lund, che attira annualmente migliaia di turisti, anche da tutto il mondo, per celebrare la notte di Valpurga nel parco centrale, ha preso una decisione al quanto drastica. I funzionari amministrativi hanno deciso di cospargere cacca di pollo nel parco. Questo al solo scopo di impedire ai festaioli di radunarsi per celebrare la festa dell’ultima notte di aprile, data l’emergenza della pandemia di COVID-19.

Purtroppo ogni tecnica intentata per evitare assembramenti pare sia andata storta. Ci voleva una trovata più drastica e raccapricciante per convincere la gente a stare a casa. La notte di Valpurga altri non è che una festa di primavera che affonda le sue radici nell’antica tradizione pagana. Essa si celebra ogni anno l’ultima notte di aprile.

I molteplici scopi di questa iniziativa

Gustav Lundblad, presidente del comitato ambientale del consiglio di Lund, ha affermato che la cacca di pollo nel parco ha molteplici scopi. “Abbiamo l’opportunità di concimare i prati e allo stesso tempo puzzerà e quindi potrebbe non essere così bello sedersi e bere birra nel parco”, ha detto Lundblad al quotidiano locale Sydsvenskan.

Dinanzi a questa necessità di stare a casa, sembra la sola alternativa possibile per aiutare le persone a non riunirsi in strada. La festa purtroppo non può avere il suo excursus tradizionale, ma in compenso ci si deve tutelare a livello salutare. Il presidente ammesso che lo sforzo potrebbe avere effetti collaterali non intenzionali per i residenti nelle vicinanze.

“Non sono un esperto di fertilizzanti, ma a quanto ho capito, è chiaro che potrebbe anche avere un odore un po ‘fuori dal comune”, ha detto Lundblad. “Dopotutto, questi sono escrementi di pollo. Non posso garantire che il resto della città sarà inodore. Ma il punto è tenere le persone fuori dal parco cittadino.”

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Alessia D'Anna: