La quarantena incentiva la presenza demoniaca: parola dell’esorcista

Foto d'archivio

Un esorcista praticante ha affermato che la “frustrazione e rabbia” scatenate durante la pandemia di coronavirus potrebbero portare ad un aumento del possesso demoniaco.  La presenza demoniaca va contrastata, e Paul Devlin spiega come.

Presenza demoniaca in quarantena: parla Paul Devlin

Il sacerdote buddista Paul Devlin , che ha descritto la sua prima vittima posseduta come un mostro dai “denti appuntiti” e dagli “occhi neri” , crede in modo sensazionale che i demoni possano trarre vantaggio dalla paura e dall’incertezza attuali. Il parroco ha rilasciato un’intervista esclusiva con Daily Star Online, in cui ha dichiarato che stiamo vivendo tutti un momento molto difficile che potrebbe favorire la presenza demoniaca. Purtroppo, il coronavirus ha creato molta paura e molta negatività, la gente ora non vede molte cose positive. E questo è il tipo di cosa che le forze oscure usano a loro vantaggio.

Paul ha avvertito che le persone in isolamento personale, che vivono già di per sé una particolare condizione possono avere emozioni negative che potrebbero attirare forze malevoli. Secondo Devlin, una vasta maggioranza di beni demoniaci proviene da emozioni umane. Sebbene ci siano stati molti atti di gentilezza e messaggi di sostegno durante questa pandemia, ci sono state anche molte frustrazioni e rabbia. E purtroppo, questi possono essere terreno fertile per demoni ed energie negative.

Una simile condizione può portare all’energia demoniaca che costruisce e si nutre delle emozioni umane che nel tempo possono incubarsi in una coscienza demoniaca. Una volta che ciò accade, le cose possono peggiorare molto rapidamente.

Devlin rifiuta di far esorcismi a distanza

Circa la presenza demoniaca, l’esorcista ha dichiarato di essere riluttante a realizzare esorcismi virtuali su Skype a causa della natura violenta degli esorcismi. Questa pandemia ha molte sfide e una delle sfide che avrebbe di fronte è fare esorcismi senza contatto con la faccia. Pur potendo farlo, non sarebbe una cosa sicura per la persona posseduta, anche perché alcuni esorcismi possono essere molto aggressivi, non si sa mai quale possa essere la reazione.

L’esorcista ha continuato spiegando che le “energie demoniache” “combatteranno” se vengono sfrattate dal loro ospite. Infine ha concluso l’intervista dando alcuni consigli per rimanere positivo durante il periodo difficile. Devlin invita le persone a trovare qualcosa per cui sei grato ogni giorno. Il tutto ricordando che niente è per sempre, questo è un buon modo di guardare le cose quando sentiamo che non c’è via d’uscita. La paura è solo frutto della cattiva informazione. Tutto quello che sappiamo, per l’esorcista, va trasformato in un pensiero positivo. Solo così si può esorcizzare la paura stessa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Alessia D'Anna: