Tragedia a Pistoia: 68enne uccide il fratello davanti alla madre

Tragedia a Pistoia

Nella giornata di domenica 17 maggio 2020 si è consumata una tragedia in un piccolo Comune in provincia di Pistoia. Un uomo di cinquantotto anni ha ucciso a sangue freddo il fratello, davanti agli occhi attoniti della madre. Pare che a monte della lite ci siano dei problemi famigliari.

L’uomo, reo di aver accoltellato il fratello, è stato poi arrestato dalle Forze dell’Ordine, che lo hanno rintracciato poche ore dopo la tragedia che si è consumata nell’abitazione dei due. La madre non ha potuto fare altro che assistere scioccata alla scena.

Tragedia nel pistoiese: ucciso un uomo di 56 anni

Ennesima tragedia familiare nella giornata del 17 maggio. Il fatto si è verificato a Chiesina Uzzanese, nel pistoiese. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i due fratelli si sarebbero messi a litigare. I toni si sono fatti sempre più accesi, fino a quando Narciso Zari, di 68 anni, ha preso un coltello e ucciso il fratello. L’assassino è quindi scappato da casa, lasciando la madre in stato di shock.

Narciso Zari ha accoltellato suo fratello davanti alla loro madre, che nulla ha potuto fare per evitare la tragedia. Sembra che il 68enne fosse andato a casa dell’anziana madre (novantenne) per farle visita. Qui, avrebbe trovato anche il fratello, con il quale non andava d’accordo da tempo. Poco dopo, sarebbe scoppiata la tremenda lite.

Il 68enne omicida arrestato dalle Forze dell’Ordine

Dopo il litigio, ormai incontrollabile, il 68enne avrebbe abbandonato l’abitazione per tornare poco dopo con un coltello. L’intenzione era dunque chiara. Zari avrebbe colpito all’improvviso il fratello minore, Giuliano, con diverse coltellate. Le ferite più profonde sono state inferte alla schiena e al busto. Mentre si consumava la tragedia, l’anziana madre è stata purtroppo spettatrice.

Dopo l’omicidio, il 68enne avrebbe tentato di darsi alla fuga, lasciando il povero fratello in un lago di sangue. Accanto a lui, la madre in evidente stato di shock. Narciso Zari aveva già preparato le valigie, convinto di scappare e farla franca. I vicini però, spaventati dalle urla che provenivano dall’abitazione, hanno chiamato le Forze dell’Ordine. Sul luogo della tragedia sono intervenuti anche i sanitari del 118, che hanno tentato di rianimare l’uomo, ma senza riuscirci.

Intanto, gli agenti hanno rintracciato il responsabile della tragedia. Narciso Zari è stato fermato poco dopo e arrestato. Secondo le prime ricostruzioni, a causare la tragedia sarebbero stati i numerosi litigi familiari. Le Autorità competenti stanno comunque indagando sul caso per raccogliere altri elementi utili.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!