Dottorato ad un cane di servizio: encomio per il suo contributo durante la quarantena

Dottorato ad un cane di servizio
Noose, il cane che ha ricevuto l'encomio

In queste ore si è tenuta una cerimonia di premiazione virtuale al Virginia Tech. Si tratta di un evento speciale in quanto è stato rilasciato un dottorato ad un cane di servizio. Più in particolare è stato un encomio per il suo contributo durante la quarantena. Il cane Moose appartiene ad uno staff universitario schierato in prima linea contro il coronavirus.

Dottorato ad un cane di servizio: cerimonia virtuale

La scuola ha annunciato che Moose, un cane di terapia di 8 anni impiegato presso il Cook Counselling Center della scuola, ha ricevuto un dottorato onorario in medicina veterinaria. La cerimonia, tenutasi venerdì a livello virtuale, ha premiato l’animale per il suo contributo come cane da terapia.

Moose, che ormai fa parte del team dal 2014, è uno dei quattro cani che servono al Cook Counselling Center usati in ambito terapico. Gli animali sono impiegati anche per fare fronte ai vari disturbi della salute mentale che alcuni pazienti possono manifestare. Il cane in precedenza aveva ricevuto il Animal Hero Award della Virginia Veterinary Medical Association nel 2019.

Le parole di elogio per Moose

“Gli studenti qui parlano molto di come Moose ha abbattuto lo stigma relativo alle cure per la salute mentale nel campus”, ha detto il proprietario Trent Davis durante un’intervista ai media locali. “Purtroppo i veterinari sono una popolazione molto competitiva. Ma al contempo sono una categoria minata. Dalle nostre parti ci sono alti tassi di suicidio tra i veterinari per cui questa professione da molti viene considerata abbastanza inquietante. A Moose non serve essere umano per contribuire in modo decisivo. Ma davvero aiutato gli studenti e il personale della Virginia Tech e ha ottenuto molti riconoscimenti per questo.

La scuola ha detto che Moose sta affrontando i suoi problemi di salute e al contempo si rende utile nel mezzo della pandemia di COVID-19. Alla povera bestia è stato diagnosticato un cancro alla prostata solo una settimana dopo il suo compleanno a febbraio.

Per ora comunque dal college fanno sapere che Moose si sta sottoponendo a trattamenti chemioterapici. Ma questo non lo ferma nella sua vocazione di volontario. Anzi, continua il suo lavoro come cane da terapia. E per ora i veterinari gli hanno dato una prognosi positiva.

View this post on Instagram

Moose is so happy to serve the Hokie Nation, sharing smiles, tail wags, and his calming presence. On Friday, he humbly accepted an honorary doctorate from @vamdvetmed. We often say that we will never know Moose’s full impact. He is beloved by so many. The story of his DOG-torate has been making a splash nationally and internationally, and we are thrilled to know that Moose’s story is bringing hope and smiles to people all over the world. Moose leads his junior colleagues, Wagner, Derek, and Carson as the therapy dog team continues to serve at VT. #utprosim . Congratulations, Dr. Moose! See links in bio. @virginia.tech @vtmdvetmed @studentsatvt @cookcounselingcenter @vtrecsports @hokiewellness @hokiesports @servicedogsva @guidingeyes @camilleschrier @the_hokiebird @vtgrowley #hokies @hokiepets @huffpost @goodmorningamerica @hodakotb @todayshow @latenightseth @fallontonight @theellenshow @colbertlateshow

A post shared by Moose, Derek, Wagner & Carson (@vttherapydogs) on

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!