Monopattini elettrici: con gli incentivi del “decreto legge Rilancio” i costi si abbattono

Finalmente il bonus mobilità è diventato realtà, ed è possibile comprare un monopattino elettrico pagando solo il 40% del suo prezzo: il restante 60%, infatti, viene rimborsato dallo Stato (fino a un massimo di 500 euro). Questo è il succo del provvedimento che è stato adottato con il Decreto Legge Rilancio, che ha previsto lo stanziamento di un fondo da 120 milioni di euro con il fine di promuovere la mobilità leggera ed evitare il sovraffollamento dei mezzi di trasporto pubblico. Il bonus è retroattivo, dal momento che si applica a tutti gli acquisti compiuti dal 4 maggio in poi, e durerà fino al prossimo 31 dicembre.

Chi ha diritto al bonus

Questa agevolazione può essere richiesta per l’acquisto di un monopattino (tradizionale o elettrico), di un segway, di un hoverboard o di una bicicletta (normale o a pedalata assistita). Essa è garantita a tutti i soggetti maggiorenni che vivono nelle città metropolitane, nei capoluoghi di regione, nei comuni con più di 50mila abitanti e nei capoluoghi di provincia. Per usufruire del contributo si deve fare riferimento a un’applicazione web, che per il momento non è ancora attiva ma a cui si potrà accedere attraverso il sito del Ministero dell’Ambiente usando le credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale.

Non solo rimborso

Sono due le modalità di fruizione del bonus: una prevede il rimborso della somma spesa entro i limiti indicati in precedenza, mentre l’altra consiste nella generazione di un bonus spesa che potrà essere consegnato ai fornitori. L’applicazione dovrebbe diventare operativa entro 60 giorni a partire dalla data di pubblicazione del provvedimento apposito in Gazzetta Ufficiale.

Come fare un buon affare

Se si è alla ricerca di un buon affare si può andare a colpo sicuro puntando sul modello urbetter kugoo ES2. Merita di essere messo in evidenza, per esempio, la presenza di doppie luci a led sul davanti e di fanali con avviso di frenata sul retro, con tanto di lampeggiamento notturno di sicurezza. Questo vuol dire che si può contare su un doppio sistema di illuminazione, per di più integrato da un riflettore multi-direzionale e dai led sulla pedana.

Questo monopattino ha il vantaggio di essere pieghevole: sono sufficienti un paio di secondi per ridurne l’ingombro per effetto di una leva collocata sul davanti; perfino le manopole possono essere piegate. Ovviamente stiamo parlando di un modello omologato per la circolazione in strada, ideale anche per i ragazzi grazie al peso ridotto di 160 chili.

Il motore da 350W è brushless, vale a dire privo di spazzole al proprio interno: non richiede alcuna manutenzione ed è in grado di durare molto a lungo nel tempo. Urbetter Kugoo ES2 assicura 120 chili di portata, potendo essere guidato anche dagli adulti, ed è in grado di affrontare a pieno carico salite fino a 15 gradi. La batteria garantisce 25 chilometri di autonomia, e sono ben 3 le velocità tra cui scegliere: basta fare clic sul computer di bordo situato sul manubrio.

Le caratteristiche per scegliere un monopattino

Sono diversi i fattori che devono essere presi in considerazione in vista dell’acquisto di un monopattino. Tra le caratteristiche fondamentali ci sono la velocità massima di crociera e il peso massimo che può essere supportato, ma anche il prezzo. I costi variano in funzione del brand e degli accessori a disposizione.

Altri parametri da non trascurare sono quelli relativi al peso, che dipende dal materiale di costruzione, e alla batteria: possono esserci prestazioni differenti a seconda del tempo di ricarica, dell’autonomia e della capacità. Da non dimenticare altre caratteristiche secondarie, ma comunque importanti: il tipo di freni installati, l’omologazione del mezzo, il tipo di ruote presenti in dotazione e l’età della persona che dovrà usare il monopattino.

La batteria

In linea di massima le batterie installate sui monopattini elettrici garantiscono un’autonomia media di circa 20 chilometri, che equivale più o meno a tre quarti d’ora di corsa senza soluzione di continuità. Come si può ben immaginare, comunque, a incidere sull’autonomia della batteria sono lo stile di guida, il peso della persona che conduce il mezzo e il tipo di strada che viene affrontata. Il tempo di ricarica si aggira tra le 4 e le 5 ore: è sufficiente una normale presa elettrica per procedere. Sul libretto di istruzioni sono riportate tutte le indicazioni da seguire per una corretta manutenzione.

Quanto pesa un monopattino

Soprattutto se si ha in mente di trasportare il monopattino in modo da averlo sempre con sé, può essere utile conoscerne il peso. Nei modelli per i bambini esso è compreso tra i 3 e i 10 chili, mentre nei modelli per gli adulti si va dai 20 ai 30 chili. L’acciaio è il materiale più pesante, mentre quello più leggero è la fibra di carbonio; a metà strada si colloca l’alluminio.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Matteo Ricci Mingani: Scrivo... ogni tanto... #art.21