Caserta, cena con delitto: 37enne ucciso a coltellate dall’amico

Caserta, delitto

Un brutto fatto di cronaca arriva da Castel Volturno, in provincia di Caserta. Un agente immobiliare, di cui non sono state rese note le generalità, ha ucciso l’amico invitato a cena. Al momento, non sono chiari i motivi del gesto. La vittima è un 37enne, artigiano di Giugliano in Campania.

A incastrare l’uomo sono stati i filmati delle telecamere di sicurezza. Le forze dell’ordine hanno tratto in arresto l’agente immobiliare, che ha poi confessato di aver ucciso l’amico invitato poco prima a cena. Sul caso sono state aperte le indagini, così da ricostruire l’esatta dinamica.

Caserta: uccide l’amico invitato a cena

Non sono chiare le dinamiche del delitto avvenuto a Castel Volturno, in provincia di Caserta. L’agente immobiliare, U.P, aveva invitato a casa sua due amici per una tranquilla cena. Nulla faceva presagire ad un gesto sconsiderato. Pare che i tre siano andati in un bar per acquistare delle birre. Dopo essere arrivati a casa, avrebbero iniziato a bere. I tre hanno iniziato a chiacchierare. Ad un certo punto, uno dei due amici avrebbe pronunciato una frase capace di far perdere la testa all’uomo responsabile del folle gesto.

Nel giro di pochi minuti, quella che doveva essere una cena tra amici si è trasformata in tragedia. Il delitto si è consumato proprio nella casa dell’agente immobiliare, sita nei pressi del Parco Le Anfore, sulla Domitiana, una tranquilla zona di Castel Volturno (Caserta). Irritato dalla frase pronunciata dall’amico, l’uomo ha afferrato un coltello e lo ha colpito più volte.

La vittima è un trentasettenne di Giuliano in Campania

L’uomo, spaventato, pare abbia trasportato il corpo dell’amico in auto, con la quale si è poi diretto all’ospedale Pineta Grande (situato in provincia di Caserta). Proprio davanti al nosocomio, l’agente immobiliare ha lasciato l’amico per poi scappare nella speranza di farla franca. Ad incastrarlo, i filmati poi visionati dagli inquirenti e la testimonianza di una terza persona.

Per la vittima, un trentasettenne di Giuliano in Campania (Caserta) non c’è stato nulla da fare. L’uomo era in condizioni disperate, troppo gravi le ferite d’arma da taglio inferte al torace. Poco dopo essere stato soccorso, il 37enne ha perso la vita a causa di un arresto cardiocircolatorio, conseguente alle ferite riportate. Il responsabile è stato fermato e portato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Essenziale anche la testimonianza dell’altra persona invitata a cena. I carabinieri del reparto Operativo-Nucleo Investigativo di Caserta hanno ritrovato l’arma del delitto nella casa di U.P.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!