biblioteca di birmingham

La notizia proviene da Birmingham nel Regno Unito dove tre persone sono state “bandite” dalla biblioteca pubblica perché maleodoranti.

I tre utenti della biblioteca non potranno più aggirarsi tra gli scaffali. La motivazione ufficiale è stata “problemi di igiene personale”.  Capita a tutti di incontrare, in treno o sulla metro, compagni di viaggio che emanando un cattivo odore ci costringono a tapparci il naso o addirittura a cambiare posto. Ma, nella più grande biblioteca d’ Europa, inaugurata nel settembre 2013 dal premio Nobel Malala Yousafza e costata la cifra di 118 milioni di sterline, non essere amanti di acqua e sapone può costare l’allontanamento.

puzzare

In realtà i tre lettori non sono gli unici ad aver subito questo trattamento. Dall’apertura della biblioteca ad oggi, sono state allontanate altre persone: due utenti non potranno più accedervi a causa di “atti osceni in luogo pubblico”, mentre altri tre per atteggiamenti aggressivi nei confronti del personale.

Il direttore Brian Gambles ha dichiarato: “La biblioteca di Birmingham è un  edificio con un alto numero di accessi e, da quando abbiamo aperto nel settembre 2013, è stata visitata da oltre 3 milioni di persone, la
stragrande maggioranza dei visitatori mostra grande rispetto. E’ estremamente raro che si sia obbligati ad escludere qualcuno dalla biblioteca. Lo facciamo quando siamo proprio all’ultima spiaggia”.

 
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!