Massimo Villa muore un grande musicista e conduttore radiofonico

Massimo Villa
Massimo Villa

E’ morto Massimo Villa, il grande musicista e conduttore radiofonico scompare a 72 anni, lascia un vuoto nel mondo della musica

Lutto nel mondo della musica, ci lascia a 72 anni Massimo Villa, grande musicista e conduttore radiofonico. Villa è morto in Portogallo, dove da due anni si era trasferito. Tanti i commenti giunti sui social per ricordarlo, come quello di Eugenio Finardi, altro grande artista.

Il cantautore lo ha salutato con un caloroso post pubblicato su Facebook, in cui ha ricordato chi era. Villa ha fatto incontrare i personaggi più importanti di un’epoca indimenticabile ed è stato un mentore per tanti. Finardi ha detto che Massimo ha prodotto il suo primo LP, ma che è stato soprattutto un grande amico. Il musicista negli anni ’70 faceva parte del gruppo Stormy Six.

Massimo Villa instancabile musicista

Allora Villa aveva preso il posto di Claudio Rocchi e insieme alla band realizzò i singoli Alice nel vento, Rossella e Leone, Il venditore di fumo. Il gruppo all’epoca prese parte anche alla campagna elettorale del PCI. Inoltre, Massimo Villa si dedicò anche alla conduzione di vari programmi radiofonici per la Rai, come ‘Per voi giovani’, ‘Un certo discorso’ e ‘Popoff’. Ha anche fondato il gruppo 451 con alcuni membri degli Skiantos e Windopen e inciso con loro un 45 giri.

Poi è diventato direttore della rete tv musicale Videomusic, in Toscana. Terminata l’esperienza televisiva tornò al suo mondo e ha collaborato prima con Radio Popolare e poi con Lifegate. Durante la sua lunga carriera ha anche diretto Videomusic e nonostante si sia trasferito in Portogallo ha condotto anche diversi programmi radiofonici.

Eugenio Finardi ha ringraziato l’amico

L’esperienza e la competenza di Villa sono stati importanti per moltissimi cantanti, come ha detto anche Finardi. Non solo musicista, ma era anche un produttore e Finardi lo ha ricordato in un’intervista a LaStampa.it. Il cantante ha detto che Massimo Villa era la figura più importante della Milano musicale.

E’ stato lui ad introdurre i cantanti ad essere messi all’attenzione di Miles Davis, dei Weather Report e di tutto quanto ha dato vita ai loro dischi. Dopo i successi di Extraterrestre e Musica Ribelle, Finardi nel 1980 si sentiva giù e demotivato. Grazie a Massimo ha ripreso ad avere fiducia. Lui gli ha portato a casa alcuni capolavori, da Remain In Light dei Talking Heads a brani dei Police, dai quali lui attinse per creare nuovi lavori.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!