“Ho rischiato di morire…”: Barbara D’Urso, ospite fa una confessione straziante [FOTO]

Emanuela Tittocchia ha rischiato di morire

Nelle ultime settimane l’attrice Emanuela Tittocchia ha fatto parlare di sé per alcune vicende. Oltre a tuonare contro Valeria Marini e il suo fidanzato, affermando che tra loro non c’è amore, ha anche fatto un appello a Maria De Filippi per prenderla come dama al parterre senior di Uomini e Donne. Ma la donna sembra proprio essere un fiume in piena, infatti nell’ultimo numero del periodico Nuovo è contenuta una lunga intervista nella quale parla di una brutta disavventura.

L’opinionista di Barbara D’Urso ha rischiato di morire tra le fiamme. In pratica la sua cucina è andata a fuoco a causa di una candela accesa incustodita. “Poteva bruciare tutta la casa, ho tremato pensando che la casa poteva saltare in aria, ma per fortuna me ne sono accorta in tempo…”: ha confidato al magazine diretto da Riccardo Signoretti.

Incendio nella cucina di casa sua

Intervistata dal settimanale di gossip Nuovo, Emanuela Tittocchia ha fatto altre confessioni, di cui una fa riflettere moltissimo. A tu per tu col giornalista, l’ex protagonista di Centovetrine ha riferito che mentre è scoppiato l’incendio lei era in camera a recitare il rosario.

“Qualcuno da lassù ha vegliato su di me: la casa avrebbe potuto trasformarsi in una trappola mortale…”, ha ribadito l’ex fidanzata di Biagio D’Anelli che di recente ha smascherato Nicola Vivarelli. Nonostante siano trascorse alcune settimane da quel brutto episodio, la donna non riesce ancora a dormire bene a causa dello spavento. In pratica continua a svegliarsi ancora nel cuore della notte con la tachicardia, in preda agli incubi.(Continua dopo la foto)

Emanuela Tittocchia

Emanuela Tittocchia in silenzio per tre giorni a causa dello choc

Dopo l’incidente domestico Emanuela Tittocchia non è ha parlato con nessuno per ben tre giorni. Il motivo? La nota opinionista dei programmi di Barbara D’Urso è rimasta scioccata per quello che le è accaduto e cosa poteva generare quella distrazione.

Intervistata dal magazine diretto da Riccardo Signoretti, l’attrice ha confidato questo: “Per tre giorni non ho parlato con nessuno, dovevo riprendermi. Penso al trauma, al fumo che ho respirato e al fatto che poteva succedere una tragedia…”. Per fortuna le è finita bene perché la situazione poteva degenerare e trasformarsi in qualcosa di terribile.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)