The Flash: Hartley Sawyer licenziato per dichiarazioni razziste, la reazione di Grant Gustin

L’attore che interpreta Ralph Dibny è stato immediatamente licenziato dopo la scoperta di alcune sue dichiarazioni sui social. Ecco che cosa sta accadendo

The Flash: la produzione allontana immediatamente Hartley Sawyer dopo lo scandalo per le sue dichiarazioni

The Flash è una serie statunitense che va in onda sul canale The CW da sei anni. È lo spin off di Arrow, ma nel corso delle stagioni ha guadagnato un grande successo anche grazie ai suoi protagonisti. In quest’ultima stagione lo show ha dovuto fermarsi prima con un finale che non era quello pensato per la serie. Lo stesso protagonista Grant Gustin ha detto di non sapere quando riprenderanno le riprese per le stagioni successive.

Oltre a questo burrascoso e inaspettato stop, tuttavia, adesso l’intero cast si è trovato di fronte ad una situazione molto seria. Hartley Sawyer, che nella serie interpreta Ralph Dibny, è finito al centro di uno scandalo per i suoi commenti razzisti, misogini e istigatori alla violenza su Twitter. I commenti risalgono a prima della sua partecipazione allo show, ma a seguito del polverone che questi hanno sollevato, la produzione ha deciso di licenziarlo immediatamente.

Dunque, Ralph Dibny sarà cancellato dalla serie, questo è quello che hanno comunicato i produttori. Non è tardata ad arrivare anche la reazione dell’interprete di Flash. Ecco qui di seguito nell’articolo tutti i dettagli della vicenda.

Parlano i produttori e il protagonista della serie

Qualche giorno fa, quando i commenti sono stati diffusi nel web, Hartely Sawyer ha provato a scrivere qualche parola dicendo di essere pronto alle conseguenze delle sue frasi. Ha anche chiesto scusa alla produzione e a tutti quelli che ha messo in imbarazzo prima di cancellare il suo account. Non è servito a nulla. La decisione è arrivata chiara e inequivocabile.

In un comunicato della produzione si legge che Hartley Sawyer non tornerà nella settima stagione di The Flash. Non sono tollerati insulti e frasi d’odio verso qualsiasi etnia, nazionalità o orientamento sessuale. Inoltre, lo showrunner Eric Wallace ha detto di essere profondamente deluso ma anche molto arrabbiato per questa scoperta. Lui farà di tutto nel suo ambiente per combattere questa piaga del razzismo.

Anche Grant Gustin si è aggiunto al commento del produttore appoggiandolo fermamente. L’attore ha aggiunto di essere rimasto scioccato, rattristato e di aver provato molta rabbia nel leggere quei commenti perché “le parole contano”. Che cosa ne pensate di questa storia?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!