Marco Baldini arrabbiatissimo: “Siete delle mer**”

Marco Baldini
Marco Baldini

Marco Baldini, nessun pagamento di cassa integrazione da due mesi e mezzo

Marco Baldini fa uso dei social per una critica ed uno sfogo che come sempre ha come protagonista la sua condizione economica, non semplicissima o felice. Il conduttore ultimamente è stato ospite a Vieni da me, invitato da Caterina Balivo, li ha raccontato la sua vita, quanto e come è cambiata nel corso degli anni.

Adesso su Instagram è andato dritto come un treno contro il governo e l’INPS. L’ex conduttore radiofonico spiega di non  ricevere pagamenti di cassa integrazione da due mesi e mezzo e mostra il portafogli vuoto.

Le sue parole sono dure, amare, afferma che sa che in questo periodo di grosse difficoltà si possa trovare qualche ritardo nei pagamenti, sono ritardi motivati, ma due mesi e mezzo non sono giustificabili. Inoltre afferma che prima di arrabbiarsi e sfogarsi sui social si è informato per cercare di capire da cosa e da chi dipenda il ritardo del pagamento.

Marco Baldini, difficile vivere senza soldi, i politici non capiscono cosa voglia dire

Marco Baldini dice che molto probabilmente i politici non sanno cosa vuol dire andare avanti per due mesi e mezzo senza avere un centesimo in tasca. È impossibile anche perché oltre fare la spesa, bisogna pagare le tasse, bisogna pagare la bolletta, ma con quali soldi?

Ecco quindi che sarebbe il caso di mettersi nei panni di chi ha problemi per provare la sensazione almeno una volta nella vita. Questo è quello che dovrebbero fare politici prima di salire al governo, senza conoscere i reali problemi della vita, delle persone comuni.

La lotta del conduttore a favore di chi è nella sua stessa difficoltà

Marco Baldini ha raccontato che ha deciso di portare avanti la sua polemica anche a nome di tutti gli altri lavoratori che si sono improvvisamente trovati in queste condizioni. Non vuole essere populista, banale o puerile, ma è costretto a farlo dopo due mesi e mezzo di difficoltà, che non riesce a condividere con nessuno perché chiunque gli fa muro. Così a nome di tutti quelli che stanno attraversando il duro periodo proprio come lui, punta il dito contro chi lavora all’Inps e contro i politici, accusandoli di essere delle mer**.

Poi sferra un ulteriore attacco ancora più grave e dice che spera che queste persone sia Governo che INPS perdano il lavoro, i politici in tempo di elezioni,gli impiegati anche subito. Non meritano di avere un posto fisso, tutti sanno soltanto parlare, dare certezze che poi non sono tali, promettere e non mantenere.

Nulla di concreto, nulla di reale. Tutti coloro che hanno promesso, tutti coloro che hanno detto frottole, lo hanno fatto soltanto per salvarsi la faccia e fare una bella figura in TV. Conclude dicendo che fino a qualche tempo fa era dalla loro parte, improvvisamente si trova dalla parte opposta, lo hanno voluto loro. Adesso la sua battaglia è iniziata e non ha intenzione di fermarsi senza portarla a termine.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!