Arrestate due persone per eccesso di velocità: ad incriminarle un video postato da loro sul web

Arrestate due persone per eccesso di velocità dopo che loro stesse hanno pubblicato in rete un video. Quest’ultimo mostrava i rei all’interno di un’Audi che percorreva l’autostrada a 300 km/h all’ora. Si tratta di una velocità esagerata sconsigliata su qualsiasi strada pubblica oltre che essere anche pericolosa. Per non parlare del fatto che a peggiorare le cose si è messo il video che hanno girato.

Arrestate due persone: il video che li incrimina

Nella clip, la macchina si percepisce visibilmente accelerata mentre percorre una rampa di accesso sull’autostrada. A completare questo quadro scellerato il conducente che filma il tachimetro in direzione nord a un ritmo piuttosto elevato. In circa cinque secondi l’auto riesce a passare da 98 ad oltre 200 km/h. Ovviamente ben oltre il limite di velocità per guidare in sicurezza.

La persona che guida la macchina ha solo una mano sul volante. Insomma una guida sbagliata su tutti i fronti. Alla fine, mentre la fotocamera continua a mettere a fuoco il tachimetro, l’auto raggiunge la velocità massima di 300 km/h. Questo è quasi tre volte il limite di velocità massima.

Identificata l’auto

L’Audi RS6, che ha un valore di 92 mila sterline è stata quindi identificata dalla polizia del Sussex, mentre percorreva il tratto fra Gatwick e Crawley. Dopo che il filmato è diventato virale online, la Sussex Police lo ha condiviso individuando i due soggetti presenti nell’abitacolo al momento della pazza guida. Gli agenti investigativi hanno capito che erano sulla carreggiata in direzione sud e poi sono riusciti a rintracciare (per sequestrare) il veicolo nero. Un uomo di 38 anni di Crawley è stato arrestato per sospetto di guida pericolosa. Un secondo uomo è stato poi arrestato e accusato di sospetto aggravamento di veicoli, nonché di guida pericolosa.

L’ispettore capo Michael Hodder, parlando a nome dell’unità di polizia di Surrey e Sussex Roads, ha dichiarato: “Nell’ambito di questa complessa indagine, abbiamo perseguito una serie di linee di indagine che hanno portato all’arresto di due sospetti. Tuttavia, le nostre indagini sono in corso e stiamo ancora sollecitando chiunque abbia qualsiasi informazione sull’incidente a segnalarlo online o chiamando in centrale”.

Lui stesso spiega che l’accelerazione è una delle quattro cause più comuni di incidenti mortali e gravi. Per questo non è possibile tollerare queste infrazioni sulle nostre strade. Sebbene la stragrande maggioranza degli automobilisti rimanga entro i limiti di velocità, c’è una piccola minoranza che mette a rischio se stessi e gli altri. Non ci sono scuse che reggano. Ogni episodio palesato sarà seriamente punito.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Alessia D'Anna: