Yasmine Jackson, nipote del padre di Michael Jackson, è stata pugnalata 7 volte (FOTO)

Yasmine Jackson
Yasmine Jackson

La nipote del padre di Michael Jackson, Yasmine Jackson, è stata accoltellata 7 volte da una donna ispanica che la insultava per il colore della sua pelle, l’episodio è accaduto a Los Angeles

E’ stata aggredita e pugnalata ben 7 volte Yasmine Jackson, nipote di Joe, padre di Michael Jackson. La donna è stata presa di mira da una donna ispanica che le ha riversato addosso una marea di insulti per la sua pelle nera. Yasmine Jackson, infermiera di professione, è stata aggredita il 30 maggio scorso, ma la donna solo di recente ha deciso di rivelare il tragico episodio.

Yasmine ha 24 anni e possiede il video dell’aggressione di cui è stata vittima. Ad aggredirla con tale violenza è stata la 22enne Angela Bonell. E’ evidente che si tratta di un’aggressione a sfondo razziale. La donna infatti le è saltata addosso e l’ha coperta di insulti per il colore della sua pelle. (Continua dopo la foto)

Yasmine Jackson
Yasmine Jackson

Yasmine Jackson vittima di un’aggressione a sfondo razziale

La vicenda è stata narrata dalla stessa Yasmine, che ha riportato nel racconto le parole che la donna le urlava. La 22enne le gridava che era una negra e nel video si vede Yasmine che con il viso sanguinante e a terra viene soccorsa dalla polizia.

A poca distanza da lei, sempre nel video, si vede la donna che ammanettata viene portata via. Ma le 22enne non è per niente calma e sembra ancora carica di rabbia. Adesso la donna dovrà rispondere di tentato omicidio e aggressione a sfondo razziale. La Jackson è ancora traumatizzata da questa brutta esperienza e riporta le conseguenze dell’aggressione. Per lei sono stati momenti molto drammatici e avrebbe potuto perdere la vita.

La donna sconvolta per questa brutta esperienza

Yasmine Jackson è figlia di Joh’Vonnie, la donna frutto dell’amore tra il padre di Michael Jackson, Joe, e la segretaria Cheryle Terrell. La donna ha detto che la 22enne ha inseguita urlandole che era una negra e le ha dato 7 coltellate. L’aggressione le ha causato ematomi diverse ferite e non riesce neanche a muovere il collo, ma soprattutto la Jackson ha paura di stare da sola.

Ha anche detto di essere riconoscente a coloro che l’hanno aiutata, altrimenti sarebbe morta. Yasmine ha anche aggiunto di aver pregato Dio per mettere fine all’odio verso le persone di colore. Lei ha detto di non meritarsi tanto odio, ma neanche gli altri lo meritano. La vicenda dell’infermiera si lega a quanto sta accadendo in America dopo l’uccisione di Floyd.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!