Sergio Sylvestre: in sua difesa anche Nek e J-Ax, erano i suoi coach ad Amici

Nek e J-Ax hanno difeso pubblicamente Sergio dalla bufera che l’ha travolto. Non sono mancati attacchi a Matteo Salvini

Sergio Sylvestre: le critiche continuano

Sergio Sylvestre è molto conosciuto per la sua partecipazione ad Amici di Maria De Filippi nel 2016 in cui ha vinto il programma. Lui ha mamma messicana e papà di Haiti, ma ha deciso di trasferirsi in Puglia e rimanerci per molti anni. Lì è diventato il cantante di un noto locale di Gallipoli, ma poi ha deciso di tentare con il talent.

Nel programma si è distinto per la sua grande sensibilità e bontà, per le esibizioni che spesso lo facevano commuovere. Questo è successo anche recentemente quando è stato scelto per cantare l’Inno d’Italia prima della partita Juventus-Napoli. I suoi due momenti di pausa e il gesto per il movimento Black Lives Metter ha scatenato il caos sui social.

Tantissimi non l’hanno criticato solo per gli errori o per il gesto ma anche per il suo aspetto fisico. Non si contano davvero gli insulti razzisti e le critiche sul suo peso. Anche Matteo Salvini si è unito a queste critiche con un post pubblico. Tuttavia, ci sono state anche tante persone che sono accorse in difesa del cantante. Tra questi i suoi amati coach di Amici: Nek e J-Ax.

Nek e J-Ax difendono Sergio

Quando Sergio ha partecipato al talent di Maria De Filippi era concorrente della squadra blu e i suoi coach erano Nek e J-Ax. I cantanti non hanno accettato la situazione che si è venuta a creare a seguito dell’esibizione del ragazzo e per questo hanno voluto difenderlo pubblicamente e dimostrargli tutta la loro vicinanza e il loro affetto.

J-Ax ha raccontato di come Sergio sia timido, riservato, innamorato della musica e dell’Italia. Per lui è un artista vero, sensibile, e un vero uomo, non come “gli imbarazzanti ignoranti che diffondono odio sui social e a cui paghiamo lo stipendio da decenni e non conoscono nemmeno il significato di un pugno chiuso per un afroamericano“. Il cantante ha voluto attaccare, anche se indirettamente, Matteo Salvini.

Il cantante di Sassuolo, invece, ha definito Sergio un ragazzo di cuore che emoziona e si emoziona quando canta. L’emozione porta a sbagliare ma per questo c’è davvero bisogno di andare contro un bravo ragazzo che canta e fare commenti sul colore della pelle o sulla sua provenienza? Nek è rimasto senza parole davanti a tanta cattiveria ma è convinto che l’affetto che le persone hanno per Sergio possa fermare i leoni da tastiera.

View this post on Instagram

Ho conosciuto Sergio quando ho fatto Amici insieme al mio fratello @nekfilipponeviani . Ho conosciuto un ragazzo timido, riservato e innamorato di due cose: la musica e l’Italia. Sergio a differenza di molti semplici “performer” è un vero artista e come tutti gli artisti è estremamente sensibile. Più volte durante amici l’ho visto commuoversi durante un pezzo o fermarsi per la troppa emozione. Ma questo è il segno distintivo non solo di un vero artista, ma anche di un vero uomo. Ovvero di qualcuno che non ha paura di svelare le proprie emozioni. A differenza degli imbarazzanti ignoranti che diffondono odio sui social e a cui paghiamo lo stipendio da decenni che non conoscono nemmeno il significato di un pugno chiuso per un ragazzo afroamericano. Andate ad ascoltarvi “L’Italia per me” e ascoltate da Sergio stesso cosa rappresenta questo Paese per lui. @sergiosylvestreofficial

A post shared by J-Ax (@j.axofficial) on

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!