Eva Grimaldi rimprovera la moglie Imma Battaglia e confessa: “Smettila, ho provato tristezza”

21/05/2015 Roma, cerimonia in Campidoglio per le registrazioni delle prime 17 unioni civili. Imma Battaglia e Eva Grimaldi

Eva Grimaldi riprende Imma Battaglia

Emma Battaglia e la moglie Eva Grimaldi hanno sentito molto il lungo periodo di lockdown. La sostenitrice della comunità LGBT ha dovuto fare i conto con dei seri problemi di salute della madre e della sorella, che per fortuna si sono risolti in maniera positiva. Nel nuovo numero del magazine Chi, l’attrice veneta e la sua dolce metà hanno rilasciato una lunga intervista parlando del dramma che ha vissuto la mamma di Imma che è stata ricoverata con urgenza in ospedale per una fibrillazione atriale.

Qualche giorno fa la coppia ha festeggiato il compleanno della donna che ha compiuto 90 anni. L’attivista ha detto alla moglie di essersi commossa, affermando che quest’ultima ha la lacrime facile. A quel punto la Grimaldi l’ha rimproverata dicendo: “E smettila. Io per un attimo, quando c’era la candelina, ho provato un velo di tristezza. Ho pensato alla mia mamma che non c’è più”.

L’attivista parla dei problemi di salute della madre

Intervistata dal periodico di gossip diretto da Alfonso Signorini, Imma Battaglia è apparsa abbastanza malinconica pensando a quello che ha attraversato in questi mesi la madre 90enne. Subito dopo, però, sul volto della nota attivista della comunità LGBT è apparso il sorriso.

A quel punto la moglie Eva Grimaldi alla rivista Chi ha detto: “Ma quella tristezza è andata subito via perché ho sentito l’energia di mia mamma alla quale piacevano le feste”. La nota attrice veneta ed ex di Gabriel Garko ha affermato che quella festa è stata utile dopo la lunga quarantena, la paura per la pandemia da Covid-19 e per la salute della mamma della Battaglia.

Imma Battaglia e la preoccupazione per l’anziana mamma

Nel corso della lunga intervista per il settimanale Chi, Imma Battaglia parlando col giornalista ha ammesso di aver provato grande preoccupazione per la salute dell’anziana madre. “Quando mamma me l’hanno portata via con quella mascherina distesa sulla barella pensavo: “Chissà se la rivedrò”. Ed ero sgomenta”, ha sottolineato l’attivista della comunità LGBT.

Quest’ultima, inoltre, ha confidato anche di essere riuscita ad aprirsi col genitore in un modo che non aveva mai fatto prima. Infine ha affermato che tutto quello che ha fatto nella vita lo ha fatto per lei, per renderla orgogliosa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)