Carlo Verdone “come in prigione si vive una sola volta”

Carlo Verdone criticato da Enrico Montesano
Carlo Verdone

Carlo Verdone, l’idea del drive in per lui è totalmente fuori luogo

Carlo Verdone ospite a Top 10 parla dell’uscita del suo ultimo film “Si vive una volta sola” che in realtà sarebbe dovuto andare nei cinema già da marzo, ma che è stato rinviato a causa del lockdown. Un capolavoro che chiunque sta aspettando. Ma cosa pensa Verdone  della soluzione applicata al mondo dei film e dei cinema post pandemia?

Per quanto riguarda la soluzione del Drive In, guardare il film scelto in auto, è assolutamente scettico. Si dà poco valore a ciò che si va a vedere. Infatti lui immagina qualcosa di simile: caldo, in auto, sigaretta accesa e magari una bella pomiciata, questo è il mondo dei giovani e probabilmente non soltanto. E il film? Nessuno lo vede, così viene svalutato.

Carlo Verdone, ecco come ha trascorso la pandemia

Carlo Verdone ha vissuto la pandemia così come tutti, ha sofferto l’allontanamento dagli amici e dai parenti, la sensazione che ha provato è stata identica all’essere in prigione. Alla fine del lockdown si è trasferito in campagna, ancora le strade erano vuote, non ha riconosciuto più la sua Roma che nonostante tutto è bella quando è piena di gente. La folla che cammina dà un’immagine di serenità ed allegria. Mentre Roma completamente vuota è un’immagine malata oltre che deprimente ed incredibile.

Ad ogni modo anche durante il periodo della quarantena ha mantenuto vivo il contatto con il mondo del cinema ed ha guardato tanti documentari. Adesso è consapevole del fatto che il periodo peggiore è passato, ma lui ha ancora tanta paura come tutti. Non manca però la voglia di andare avanti accompagnata dalla speranza che tutto possa ritornare alla normalità.

Quando uscirà il suo nuovo capolavoro?

Poi si apre un nuovo capitolo: arte e cinema. Quando potremo vedere il suo ultimo film nelle sale? Si pensa l’uscita possa essere programmata per il mese di novembre. Ovviamente se non dovesse cambiare la situazione a livello sanitario e non dovesse succedere dell’altro. La data infatti non è stata fissata, verrà fissata qualche tempo (breve) prima, in base a ciò che succederà da adesso in poi. Nel frattempo le sale esterne dei drive in si preparano a proiettare i film cult e vintage.

A proposito del suo film invece è pronto a confermare il suo pensiero: il film andrà benissimo perchè è il genere che piace a chiunque. Unico contro è che bisognerà aspettare ancora un pò di tempo. Mentre per quanto riguarda il cast ci tiene a dire che si è trovato benissimo con tutti. Hanno collaborato tantissimo proprio come vecchi colleghi e molti in realtà con Verdone non hanno mai avuto a che fare.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!