Fedez furioso sui social, spuntano indagini compromettenti sul Codacons: “Sono nero” (FOTO)

Fedez
Fedez

Continua la guerra tra il Codacons e Fedez, In queste ore, però, è arrivata una buona notizia per il rapper. Il politico Calenda ha deciso di ascoltare la sua denuncia fatta sui social e di fare delle indagini sull’associazione dei consumatori.

A seguito delle varie analisi sono spuntate fuori delle incongruenze molto interessanti in merito a situazioni probabilmente poco chiare che si sono verificate. Per tale ragione, il marito della Ferragni ha deciso di sfogarsi attraverso un video su Instagram.

I risultati delle indagini sul Codacons

Alcune ore fa, Fedez ha registrato delle IG Stories molto serie in cui ha fatto degli aggiornamenti in merito alla guerra tra lui ed il Codacons. Il rapper è stato molto felice di annunciare che, finalmente, un politico si è degnato di dargli ascolto e di fare delle indagini sull’associazione in questione. Da tali indagini sembrerebbe emerso che il Codacons non si sarebbe costituito parte civile durante il processo ai dirigenti della banca Monte dei Paschi di Siena.

Il tutto sarebbe avvenuto a seguito di una donazione di 700 mila euro da parte della banca effettuata all’associazione. La causale di tale donazione sembrerebbe legata alla divulgazione dell’importanza del latte d’asina. Tale questione, qualora fosse verificata e risultasse vera, metterebbe in cattivissima luce i rivali di Fedez. Per tale motivo, il cantante è stato lieto di apprendere queste notizie.

Lo sfogo di Fedez

Ad ogni modo, il marito di Chiara non ha potuto fare a meno di mostrare un po’ di rammarico per essere costretto a perdere del tempo durante un processo contro persone di questo genere. In un periodo così importante, come quello che tutto il mondo sta vivendo, sembra davvero assurdo prestare importanza a situazioni del genere. Per questo, Fedez è arrabbiato nero contro il Codacons e contro tutti coloro che lo hanno messo in cattiva luce in questo periodo.

L’artista, infatti, dovrà affrontare un processo della durata di circa 5 anni durante il quale dovrà affrontare gli esponenti dell’associazioni. Essi hanno accusato il rapper di aver dato luogo ad una raccolta fondi a sostegno del Covid in modo improprio e poco limpido. Il giovane, dunque, si è sentito doppiamente ferito per aver fatto del bene e per essere stato ripagato in un modo così becero e irriconoscente. Non ci resta che attendere per capire come si evolverà la vicenda.

Lo sfogo di Fedez
Lo sfogo di Fedez
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!