Tredicesimo segno zodiacale: ecco le teorie della NASA sui babilonesi

Tredicesimo segno zodiacale
Tredicesimo segno zodiacale

Secondo la NASA è possibile che milioni di anni fa sia esistito un tredicesimo segno zodiacale. Un vecchio post sul blog dell’agenzia spaziale è riemerso rifacendo di nuovo il giro online. In questo post si legge che gli scienziati affermano che la costellazione di Ofiuco, che cade tra il 29 novembre e il 17 dicembre, è stata esclusa dall’allineamento originale.

Più in particolare, pare che i babilonesi fossero a conoscenza di questo particolare quando hanno inventato lo zodiaco 2.500 anni fa, ma poiché non si adattava alle loro abitudini basate sul numero 12, decisero di non includerlo nell’elenco ufficiale.

Tredicesimo aegno zodiacale: il post della NASA

Nel post si legge: “I babilonesi hanno diviso lo zodiaco in 12 parti uguali – come tagliare una pizza in 12 fette uguali. Hanno scelto 12 costellazioni nello zodiaco, una per ciascuna delle 12 fette. Quindi, sebbene la Terra orbiti attorno al Sole, il Sole sembrerebbe passare attraverso ciascuna delle 12 parti dello zodiaco. Dato che i Babilonesi avevano già un calendario di 12 mesi (basato sulle fasi della Luna), ogni mese riceveva una fetta dello zodiaco tutto per sé. Tuttavia resta il fatto che secondo le antiche storie dei babilonesi, esistevano 13 costellazioni nello zodiaco. (Altre culture e tradizioni hanno riconosciuto fino a 24 costellazioni nello zodiaco”.

Secondo i babilonesi decisero di prendere una costellazione a caso, quella di Ofiuco, per lasciarla fuori. Anche allora, alcuni dei 12 scelti non si adattavano perfettamente alla loro idea di perfezione, per cui sulla questione zodiacale lavorarono con costanza e sacrificio.

Il parere degli astrologi

Questo dibattito sull’esistenza o meno del Tredicesimo segno zodiacale non è stato ampiamente accettato dagli astrologi. Parlando della questione controversa, l’astrologo Jaime Wright ha detto che non è necessario avere a che fare con un oroscopo diverso da quello esistente.  Per le previsioni astrologiche dunque non occorre il 13° segno.

Ofiuco si trova direttamente di fronte alla costellazione estremamente prominente di Orione. Ecco che a causa della sua posizione, in realtà è oscurato alla vista nella maggior parte dei casi nella maggior parte del mondo. Questo è potenzialmente parte del motivo per cui gli antichi astrologi hanno scelto di lasciarlo fuori dalle interpretazioni. Prima che si potessero calcolare le carte con i computer o anche a mano, l’astrologia si basava su ciò che era osservabile nel cielo notturno.

Ormai tutto fa capo al numero 12, scelto per adattarsi perfettamente al movimento del sole all’interno del calendario lunare. Il numero 12 ha trasportato a lungo il simbolismo spirituale, mitologico e magico Ci sono 12 seminoti in un’ottava e 12 giorni di Natale e 12 lune piene in un anno. Le unità di tempo di base (60 secondi, 60 minuti, 24 ore) sono tutte divisibili per 12.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!