Filiberto Degani è morto, addio al primo manager di Vasco Rossi

Filiberto Degani
Filiberto Degani

Filippo Degani è stato sconfitto dal Coronavirus dopo mesi di lotta

Filiberto Degani è morto, tanti gli addii rivolti al manager di Vasco Rossi, scritti su Instagram dagli artisti per rendergli omaggio. Era il primo manager storico di Vasco, proprietario della discoteca di Modena Snoopy si spegne all’età di 80 anni.

La Gazzetta di Modena informa che l’uomo è morto a causa del Coronavirus. Era ricoverato a Vezzano sul Crostolo, provincia di Reggio Emilia, ha combattuto fino alla fine. Dopo mesi di malattia e sofferenza non ce l’ha fatta. Il mondo della musica viene colpito al cuore, ancora una volta.

Filippo Degani, la foto del Blasco al locale modenese fa il giro del web insieme ad un racconto ironico e divertente

Filiberto Degani ha ricevuto l’omaggio da parte del Blasco tramite un post sui social che ha fatto subito il giro del web. Ha scritto di volerlo ricordare proprio come in foto, su una moto divertito più che mai. Il Blasco era andato al suo locale sulla moto da cross presente anche nel video di Domenica lunatica. Filiberto era salito su per fare un po’ di slalom tra i tavoli. Si sono divertiti con poco ma sinceramente. Poi l’artista ha concluso il post scrivendo che nessuno muore mai completamente. Un po’ di lui è rimasto con noi.

La scoperta di artisti che oggi sono diventati idoli e miti

Degani ha scoperto tanti artisti, aveva un sesto senso utile a scovare qualità mai viste in cantanti ed artisti di valore. Grazie a lui Vasco Rossi è diventato l’idolo dei teenager e non soltanto, dagli anni 90 ad oggi, un vero mito. Molti hanno spiccato il volo grazie alla sua spinta ed al suo fiuto. Parliamo per esempio di Demo Morselli e Vinicio Capossela, due grandi nomi che senza il suo aiuto avrebbero dovuto dimostrare di valere tanto negli anni. Invece sono partiti in grande vantaggio.

I suoi locali sono sempre stati un punto di riferimento per tutti. Subito dopo aver scoperto Vasco iniziò ad aprire una serie di discoteche in Emilia Romagna tra cui Il Gemello di Riccione e Bobo di Misano. Ancora oggi vanno benissimo e raccolgono i giovani per trascorrere ottime serate tra musica e divertimento.

Coloro che si recano spesso a Modena fanno sempre un salto nel suo locale diventato come luogo di pellegrinaggio. Impossibile non raggiungerlo per provare un’emozione unica trascorrendo una bella serata nel locale che ha fatto il boom tra gli anni 70 e gli 80. La comunità Emiliana si è stretta attorno alla sua famiglia condividendo un lutto tanto grave quanto triste.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!